RIVA DI SOLTO – Protesta atto secondo. L’edicolante: “Lavoro sul passaggio, ma qui di passaggio non ce n’è più”. La farmacista: “E se serve una bombola d’ossigeno?”

Strada chiusa sì. Strada chiusa no. Intanto l’estate entra nel vivo, l’amministrazione va avanti per la sua strada, la decisione di pedonalizzare il centro storico era già stata ampiamente annunciata in campagna elettorale ed è stata messa in pratica da subito “E non è strano che le proteste arrivano ora che manca meno di un anno alle elezioni? – ci scrive un residente con una mail – potevano dirlo prima, dicono che lo hanno detto, ma quello che si dice tra amministrazione e commercianti non sempre traspare dal fuori, perché non lo hanno fatto sapere tramite comunicati o altro?”. E così dopo che la volta scorsa in redazione è arrivato il proprietario della Trattoria del Lago e dopo le lamentele anche della gelateria del lungolago, siamo andati a sentire anche gli altri commercianti, Daniela Paris gestisce la farmacia del paese, sul lungolago: “Noi solitamente la domenica siamo chiusi – spiega la farmacista – e quindi il problema non dovrebbe riguardarci e invece ci riguarda, perché quando siamo aperti di turno domenicale ci siamo accorti che le cose sono cambiate….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 20 LUGLIO