RIVA DI SOLTO – Don Lorenzo: “Un’altra Pasqua di lockdown 
ma la Messa la faremo in presenza. 
Niente Via Crucis e niente processione delle Palme”

Aumentano i casi di positività all’interno del comune di Riva di Solto, ma la situazione è tenuta sotto controllo dall’amministrazione comunale: “Per quanto riguarda i casi di positività – spiega il Don di Solto Collina, Esmate, Riva di Solto e Zorzino Lorenzo Micheli –, il sindaco di Riva ha segnalato che ci sono casi nel territorio comunale, c’è un’elevata soglia di attenzione. In oratorio avevamo riaperto il bar, ma, poco dopo, è stato richiuso e in parrocchia ci limitiamo alle celebrazioni. Il catechismo è sospeso, anche perché la maggior parte dei bambini si trova in quarantena”. 

Tutte le attività oratoriali organizzate per questo periodo sono state sospese a causa delle limitazioni: “Oltre alla chiusura del bar, sono state sospese tutte le attività oratoriali. Portiamo avanti la catechesi, al venerdì pomeriggio, aperta a chi vuole partecipare, senza obblighi”. Anche le attività programmate per il periodo estivo sono in forte dubbio: “Avremo un incontro con l’incaricato della curia nei prossimi giorni, in modalità online, dove ci dovrebbe indicare quali prospettive ci potranno essere per l’estate, tenendo conto che, in linea di massima, è ancora un’incognita, a causa del virus. Se dovesse seguire l’andamento dello scorso anno, dovremmo essere più liberi. È comunque impossibile programmare qualcosa di certo, visto il susseguirsi dei continui cambiamenti”. 

La Via Crucis all’aperto e la processione della Domenica delle Palme sono state sospese per via delle normative: “Stiamo programmando le celebrazioni pasquali, sperando che non ci siano ulteriori impedimenti, visto che, anche nel periodo natalizio, nonostante fossimo in zona rossa, la partecipazione alle messe era consentita. Anche se ora le condizioni epidemiologiche sono cambiate, noi speriamo di poter vivere questo importante periodo, con i nostri parrocchiani…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 19 MARZO