RANZANICO – Freri: “220 mila euro per la variante, senza nuovi mutui, usando l’avanzo”

Uno degli interventi più attesi a Ranzanico è quello che, una volta realizzato, risolverà l’annosa questione della strettoia del centro storico, a pochi metri dal palazzo comunale, che da anni sta alimentando il malumore dei residenti (le ambulanze non riescono a passare e questo rappresenta un ovvio problema). Il 2021 è l’anno buono per trovare una soluzione, grazie alla variante di Via Papa Giovanni XXIII voluta dall’Amministrazione comunale. Per realizzare quest’opera non sarà nemmeno necessario accendere alcun mutuo, come spiega il sindaco Renato Freri. “Grazie all’avanzo di bilancio, che stavolta è particolarmente alto, possiamo finanziare la variante di Via Papa Giovanni XXIII senza bisogno di mutui. Abbiamo infatti un avanzo netto, spendibile, di ben 438.000 euro, anche perchè l’anno scorso i Comuni hanno ricevuto molti fondi da Stato e Regione. Di conseguenza, abbiamo deciso di utilizzare 296.000 euro, dei 438.000 di avanzo, per fare alcuni lavori”.

Quanto avete destinato alla variante di Via Papa Giovanni XXIII? “220.000 euro. In un primo momento avevamo deciso di utilizzare per questo intervento 70.000 euro con mezzi propri e 150.000 euro accendendo un mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti. Considerata l’entità dell’avanzo di amministrazione – sottolinea il primo cittadino – abbiamo deciso diversamente. E così, potremo accendere a suo tempo un mutuo per altre opere. Abbiamo già dato l’incarico all’ingegnere per la variante; dopo Pasqua va in Giunta e poi parte l’iter per l’assegnazione dei lavori”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 2 APRILE