“Professionisti della crisi, quali doveri e compensi?” ODCEC Bergamo nel “tempio cittadino dell’arte” per due giornate dedicate ai top dell’insolvenza d’impresa

49

A quasi due anni dall’entrata in vigore del nuovo Codice della Crisi d’impresa e dell’insolvenza(CCII), avvenuta il 15 luglio 2022, emerge sempre più forte l’esigenza di mettere al centro le figure professionali previste dalla normativa, valorizzandone il ruolo indispensabile per il raggiungimento degli obiettivi fissati dal legislatore. Per questa ragione, l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Bergamo(ODCEC Bergamo)dedica ai “Doveri e compensi dei Professionisti della crisi”, l’annuale convegno in tema di impresa in crisi, appuntamento nazionale d’alta formazione indirizzato a dottori commercialisti, avvocati e notai. Dai liquidatori agli ausiliari, dai commissari fino agli advisor: la sesta edizione del summit prevede due giornate,il21 e 22 giugno 2024, presso il Teatro Gaetano Donizetti di Bergamo(Piazza Cavour,15), per indagare nel dettaglio i ruoli previsti nel CCII.«I professionisti della crisi d’impresa sono figure chiave perla sopravvivenza delle aziende in difficoltà. Attraverso competenze multidisciplinari e un approccio strategico e proattivo, contribuiscono a stabilizzare le aziende, proteggere i posti di lavoro e mantenere la fiducia degli investitori–dichiara Simona Bonomelli, Presidente del Comitato Scientifico dell’Ordine dei Commercialisti di Bergamo–.Il contesto economico e normativo è in continua evoluzione: discutere regolarmente dei doveri e dei compensi permette ai professionisti di adattarsi a nuove sfide e opportunità. Ciò include l’adeguamento a nuove normative, tecnologie e metodologie di gestione della crisi». Vista l’importanza della tematica trattata, ODCEC Bergamo ha previsto la partecipazione gratuita al convegno per tutti i praticanti. «Il ruolo dei commercialisti e degli esperti contabili è fondamentale nel supportare le imprese durante periodi di crisi. La nostra professionalità, competenza e dedizione sono elementi chiave nel processo di risanamento e ristrutturazione aziendale–afferma Francesco Geneletti, Presidente ODCEC Bergamo –.Quello del commercialista è un mestiere resiliente: a nuove e interessanti opportunità di carriera corrispondono grandi responsabilità. Siamo chiamati a intervenire con rigore e precisione, fornendo consulenza strategica e operativa per aiutare le imprese a superare le difficoltà finanziarie e a ritrovare la via della sostenibilità e del successo. Assumono quindi importanza fondamentale la preparazione mirata e la formazione continua e di qualità, elementi che ci motivano all’organizzazione di eventi come questo».

IL PROGRAMMA

L’avvio dei lavori è previsto per venerdì 21 giugno ore 9:00con i saluti istituzionali delle autorità: Francesco Geneletti, Presidente di Odcec Bergamo; Cesare De Sapia, Presidente del Tribunale di Bergamo; Prof.ssa Elisabetta Bani, Prorettore con Delega alla terza missione e ai rapporti con il territorio; Giovanna Ricuperati, Presidente Confindustria Bergamo; Giulio Marchesi, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Bergamo; e MarcoBolis, Componente della Giunta della Camera di Commercio di Bergamo. L’introduzione dei lavori è affidata a Monsignor Giulio Dellavite, Delegato Vescovile per le relazioni istituzionali e gli eventi diocesani, con una riflessione dal titolo “Dal selezionare alternative allo scegliere di scegliere”. Grande attesa per il dibattito della prima sessione (ore 10.00)–dal titolo “L’Esperto, l’Ausiliario, il Commissario e il Liquidatore nel CCII”–in cui interverranno, tra gli altri, Salvo Leuzzi, Consigliere della Corte Suprema di Cassazione; Ilaria Pagni, Ordinario di Diritto processuale civile nell’Università di Firenze, e Giovanni Nardecchia, Sostituto Procuratore Generale presso la Suprema Corte di Cassazione. Alida Paluchowski, già Presidente Sezione fallimentare del Tribunale di Milano e Sido Bonfatti, Professore di Diritto della crisi d’impresa nell’Università di Modena e Reggio Emilia saranno tra i relatori della seconda sessione “Il Curatore e i Professionisti nominati nella procedura”. I lavori si concludono con il tavolo di confronto “Gli organismi di composizione della crisi e il liquidatore della liquidazione controllata”, in cui porterà la propria testimonianza Giuseppe Rana, Presidente Sezione crisi d’impresa del Tribunale di Trani. Le tre sessioni saranno coordinate da Laura De Simone, Presidente di Sezione nel Tribunale di Bergamo; Simona Bonomelli, Presidente del Comitato Scientifico di ODCEC Bergamo; e Vittorio Zanichelli, già Presidente del Tribunale di Modena.

BCC Treviglio è Main Partner del convegno “Doveri e compensi dei Professionisti della crisi. «Il rapporto tra banche e dottori commercialisti è di straordinaria importanza. Lo è da sempre a causa della necessità da parte delle imprese di ben motivare le richieste di finanziamento attraverso un supporto documentale accurato atto a favorire la valutazione positiva della richiesta–commenta Giovanni Grazioli, presidente di BCC Treviglio–.Ancora di più il rapporto deve essere stretto nella gestione delle crisi d’impresa, dove il presupposto per la riuscita dei progetti di salvataggio e di continuità aziendale è nella sostenibilità dei piani,oltre chenella trasparenza e correttezza delle informazioni e nella professionalità delle partiin causa».Il convegno è reso possibile anche grazie al supporto di una numerosa serie di sponsor:Aon, Aruba, Ass. ITP, Ass. Pedroli, Astalegale.net, Aste giudiziarie, Astebook, Astexpo, Azienda Agricola Monzio Compagnoni, BCC Treviglio, Bluenext, Bonaldi, Datev Koinos, Eutekne, Fra.Mar, Gobid, Gruppo Edicom, KPMG, Lemonpie SRL, Lenuzza Assicurazioni, Ottica Gazzera, Gruppo Avacos, S.A. Finance, Sitointerattivo, Zucchetti

pubblicità