PRIMO PIANO – PARRE – Cristian e Sara, lassù sul Monte Alino, dove si coltiva lo…zafferano, 90.000 bulbi. Ci vogliono 150 fiori per un grammo di zafferano

3192

E’ passato quasi un secolo da quando la maestra Orsola Gasperini “si avventurò” fino al Monte Alino per far visita alla famiglia di alcuni suoi scolari. “Arrivata verso mezzogiorno – scriverà poi nel suo libro “Ricordi-Esperienze di scuola” ed. Ferrari, 1998 – ebbi la sorpresa di vedere i campi di lino in piena fioritura e fu una gioia per gli occhi vedere tutta quella distesa di fiorellini azzurri…”.

pubblicità

Altri tempi, perché da parecchi decenni ormai la maggior parte dei prati del Monte Alino viene lasciata al pascolo del bestiame. Ora però c’è un appezzamento, alle spalle della chiesa, che torna ad essere coltivato: non più a lino ma a zafferano, una coltura decisamente insolita, e ancora rara, per la montagna bergamasca:

Invece sia la quota che il tipo di terreno sono l’ideale per questo tipo di coltivazione – dice Cristian Visini, custode dell’antica chiesetta di S. Antonio, che insieme alla compagna Sara Anesa si è lanciato in questa nuova avventura – senza contare l’ottima esposizione al sole. E infatti prima di partire ci siamo valsi dell’esperienza di altri coltivatori di zafferano già attivi da qualche anno sia in Valbrembana che in Valcamonica, a quote come la nostra, sui 1000 metri, dove si può coltivare uno zafferano di grande qualità che resiste sia al freddo che alla siccità e che è di prima categoria, come hanno dimostrato le analisi degli esperti”.

Ci sono voluti due anni di sperimentazione prima di arrivare al risultato attuale: ora lo zafferano (crocus sativus) cresce in un campo per la cui preparazione si è dovuto faticare parecchio:

Soprattutto abbiamo dovuto combattere contro le talpe e le larve dei maggiolini, senza ovviamente ricorrere a pesticidi di sorta: per le prime abbiamo dovuto scavare le varie ‘còle’ ad una profondità di 15 cm e posare una rete antitalpe e poi ricoprirle con lo strato di terra necessario a mettere a dimora i bulbi…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 25 OTTOBRE

pubblicità