PREMOLO – Nella festa del compatrono S. Defendente il grazie del Comune e della Parrocchia ai Volontari che durante l’epidemia si sono messi a disposizione della comunità

Il gonfalone del Comune era stato portato in chiesa, davanti all’altare dedicato a S. Defendente, compatrono del paese, nel pieno della pandemia, a significare l’affidamento della comunità  – come era avvenuto  nel lontano 1630 in occasione della peste – in attesa della fine della pandemia di Covid-19, quando il gonfalone tornerà  nella sua sede abituale, la sala consigliare. E domenica 6, nella ricorrenza liturgica del santo martire  della Legione Tebea che sacrificò la sua vita disobbedendo ai superiori che gli avevano ordinato di sterminare il popolo cristiano, l’Amministrazione e la Parrocchia hanno voluto ricordare ed onorare tutte le persone che durante l’emergenza hanno pensato ai loro concittadini aiutandoli in vari modi durante il periodo più critico: dalla Croce Rossa alla  Protezione Civile, dagli Alpini ai Carabinieri in pensione ai tanti  altri Volontari che si sono “sacrificati” per  il bene del loro prossimo più colpito.

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDì 11 SETTEMBRE