PREMOLO – Mario Rota, premolese, vince per la quarta volta la “Penna d’Oro”. Premiata una delle voci più significative della poesia in lingua bergamasca

168

Che Mario Rota fosse una delle (poche) voci veramente significative della poesia in lingua bergamasca l’abbiamo sempre sostenuto, e l’ennesima conferma arriva da Gromo, dove si è aggiudicato la quarta “Penna d’oro” della sua lunga carriera, durante la quale ha spesso fatto incetta anche di secondi e di terzi premi. Una sorta di ritorno alle intenzioni originali del fondatore  e presidente della Giuria del Premio stesso, Giacinto Gambirasio, che negli anni ‘50 aveva voluto il concorso gromense esclusivamente riservato alla  poesia dialettale bergamasca, prima che diventasse aperto alla “ lingua lombarda” la quale, secondo il parere di autorevoli studiosi come Silverio Signorelli, semplicemente “non esiste”.

E’ una poesia popolare, quella del Rota, nel senso che è ispirata dall’entroterra culturale in cui vive e con il quale si confronta da sempre, un ‘humus’ che il poeta coglie attento ad ogni sfumatura: a volte con la malinconia di una vena lirica struggente; a volte con l’arguzia del tratto faceto e della battuta ironica; ma sempre con quell’’intelligenza del cuore’ che è una scelta etica prima che culturale….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 AGOSTO

pubblicità