PONTE NOSSA – Giulia Piantoni da Ponte Nossa con altri 15 amici del Politecnico lancia il progetto “Tenersi per mano”

Una laurea in ingegneria. Un dottorato che le permette di continuare il lavoro di ricerca. Una passione che è diventata un lavoro continuando a restare una passione. Giulia Piantoni ha 27 anni e viene da Ponte Nossa. E nei giorni scorsi ha lavorato insieme ad alcuni amici e colleghi del Politecnico di Milano ad un progetto che parte proprio dal suo paese di origine. Tenersi per mano: un titolo che dice lo spirito con cui Giulia e i suoi amici hanno deciso di unire le proprie competenze e il proprio tempo.

Abbiamo cominciato a lavorare al progetto ‘Tenersi per mano’ all’inizio del lockdown – inizia a raccontare Giulia con il sorriso sulle labbra e lo sguardo determinato –. Stiamo lavorando tutti da casa da fine febbraio, continuando le nostre attività. Con alcuni colleghi e amici, ricercatori e dottorandi, ci siamo sentiti su Teams e ci siamo chiesti cosa potevamo fare per questo periodo di emergenza, volevamo metterci in gioco per dare un contributo, anche molto piccolo, a questa emergenza”.

Incontri il fine settimana o di sera, che si aggiungono al lavoro che Giulia e i suoi 15 amici stanno continuando a portare avanti. “Abbiamo iniziato a cercare, da facebook o dai vari canali di informazione, quali fossero le forme di aiuti già presenti, abbiamo scelto di focalizzarci sulla Val Seriana perché è stata tristemente colpita dall’emergenza”.

I giovani coinvolti, infatti, vengono infatti da varie zone. “Io sono l’unica della Val Seriana, gli altri vengono da altre zone d’Italia ma anche da altre nazioni. Siamo abituati a lavorare insieme e ci siamo coordinati a distanza. Abbiamo notato che effettivamente ci sono tantissimi servizi, c’è un’offerta alta di servizi a domicilio, consulenze, sostegni psicologici ma piuttosto frammentata: volevamo razionalizzare la comunicazione dell’offerta di servizi per provare a raggiungere tutti”. Insomma, non si tratta di proporre nuovi servizi ma creare coordinamento e comunicazione fra quelli già presenti…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 GIUGNO