PONTE NOSSA – ASSISTENZA DOMICILIARE – Romina Zanotti e i 30 professionisti di Itineris. “Siamo cresciuti grazie al legame con il territorio, ma dopo il COVID abbiamo problemi di budget”

Una società nata nel 2013, evoluzione di un’esperienza ancora precedente. Che negli anni è sempre cresciuta, pur attraversando anche pagine di storia difficili, come quella della scorsa primavera. Mantenendo però nella sua identità un forte radicamento al territorio, a Ponte Nossa dove ha la propria sede e a tutti i paesi in cui opera. 

Romina Zanotti è stata, insieme a Maura Zucchelli, la fondatrice di Itineris. Che adesso è diventata una squadra di 30 professionisti. Dalla libera professione individuale allo studio professionistico, sino alla nascita di Itineris SRL nel 2013. “Dalla privatizzazione dell’assistenza domiciliare avvenuta nel 2004 abbiamo collaborato con la Comunità Montana Valle Seriana, poi siamo diventati Itineris per la voglia di sviluppare qualcosa di nostro– inizia a raccontare Romina, in ufficio in un attimo di pausa dal lavoro -.Siamo due socie e con noi ci sono una trentina di persone: si tratta per lo più di infermieri, ma ci sono anche medici palliativisti, psicologi, fisioterapisti, OSS, personale di assistenza diretta e figure minori di altri specialisti (come nutrizionista, geriatra e fisiatra). Si tratta di liberi professionisti che lavorano da anni in questo settore, in certi casi anche trent’anni. Tutti veniamo da un’esperienza ospedaliera di decenni, poi abbiamo deciso di licenziarci per dedicarci all’assistenza domiciliare. Negli anni questo servizio ha subito evoluzioni più di qualsiasi altro servizio ospedaliero, ma a noi è il lavoro che piace più di ogni altra cosa”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDì 11 SETTEMBRE