PIARIO – IN VIA S. ROCH – I “Testimoni di Geova” costruiscono la loro “chiesa”. Il sindaco risponde alle polemiche: “Ne hanno diritto”

50

 

Nuova costruzione di edificio per l’esercizio del culto dei Testimoni di Geova”: così recita il cartello all’esterno del cantiere aperto in via S. Roch, dove in questi giorni si lavora alacremente per realizzare la struttura a forma di parallelepipedo , dalla capienza di 190 persone, con relativi parcheggi che serviranno alle riunioni ed alle celebrazioni.

Un cantiere che ha suscitato reazioni negative da parte di alcuni cittadini di Piario, i quali hanno chiamato il sindaco Pietro Visini, sia per chiedere informazioni che per rimproverarlo di aver concesso ai Testimoni di Geova la licenza edilizia.

Rimprovero” che il primo cittadino rispedisce ai mittenti in tutta tranquillità, testo della Costituzione della Repubblica Italiana alla mano:

Sono più d’uno gli articoli che si riferiscono a questa materia – dice – a cominciare dall’art. 8 secondo il quale ‘tutte le confessioni religiose sono ugualmente libere davanti alla Legge’. Poi c’è l’art. 19 (‘Tutti hanno diritto di professore la loro fede religiosa qualora non si tratti di riti contrari al buoncostume’), e, ancora, l’art. 20, che dice no ad ogni limitazione legislativa in proposito…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 25 SETTEMBRE

pubblicità