PEIA – Santo Marinoni: “Una sentenza comprensibile e giusta”. L’ex sindaco commenta la sua assoluzione con formula piena e lancia alcune frecciate a Silvia Bosio

L’ex sindaco di Peia Santo Marinoni risponde alla prima cittadina Silvia Bosio a proposito della questione “firme false” a poche settimane dalla sentenza

Ho letto attentamente l’articolo/intervista della sindaca di Peia, Silvia Bosio, pubblicato sul n. 38 di Araberara del 20 marzo 2020 avente per titolo ‘Una sentenza incomprensibile ed ingiusta’ e francamente ho provato sconcerto e tanta amarezza. Ci troviamo in un periodo drammatico, principalmente per la nostra Bergamo e Provincia, con innumerevoli decessi e morti senza riti, che generano una solitudine senza confini, e, purtroppo, c’è ancora chi continua e trova il tempo e la voglia di fare polemiche sterili e inutili. E così chi dovrebbe essere un elemento unificante continua a spaccare il paese, vantando (non so a quali risultati faccia riferimento!) successi elettorali trionfalistici. Dopo la sentenza del 3 marzo che si è conclusa con l’assoluzione con formula piena del sottoscritto e del geometra Marchesi perché ‘il fatto non sussiste’, dall’accusa e denuncia di diffamazione, calunnia e complotto da parte della sindaca, avrei potuto pubblicare e rendere noto a tutti tale esito, ma, di proposito, non l’ho voluto fare per rispetto a quanti hanno problemi molto ma molto più gravi con malattie dall’esito incerto o addirittura con lutti in famiglia e tuttora rimango della stessa idea. A questo punto, di fronte all’articolo della nostra sindaca, sono obbligato a fare due brevi precisazioni:

  • Nell’articolo la sindaca avanza l’ipotesi di un nostro tentativo politico al fine di far saltare la sua Maggioranza. E’ una affermazione che meriterebbe uno studio psicoanalitico. Ma quali complotti e quali intrighi! Peia non è né Roma né Milano dove i partiti politici si azzuffano. A Peia c’è solo una minoranza che ha il sacrosanto diritto/dovere di vigilare sull’operato della maggioranza e se trova qualcosa di fuori posto, segnalarlo a chi di dovere per non risultarne complice. Fra l’altro il nostro esposto in Procura era stato presentato contro ignoti e non contro la sindaca o una singola persona e pertanto è perfettamente inutile sospettare chissà quali trame segrete. Perché, poi, la sindaca ha fatto tanta pressione sul geometra Marchesi perché riconoscesse come proprie le firme?!? Di che cosa aveva timore?..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 24 APRILE