PARRE – Memoria – Il ricordo di Gualtiero Brasi

160

“La perdita di  Gualtiero è l’ennesima, da un po’ di tempo a questa parte,  che mette in crisi la nostra comunità, perché si tratta di persone che proprio  per la  crescita umana della loro comunità hanno speso tempo, energie, passione e disponibilità.  Gualtiero era tra i fondatori  della Pro Parre e delle sue sagre e molto più che semplice ‘custode’ dell’Oratorio, del quale aveva fatto non solo la sua seconda casa, ma anche un ambiente in cui tutti a loro volta potessero sentirsi a casa; ed era umile al punto da adattarsi alle nuove modalità della vita oratoriana nonché alle sue innovazioni, sempre pronto a rimettersi in gioco anche quando forse non era del tutto d’accordo su alcuni cambiamenti…Una spiritualità semplice e solida, la sua,  coltivata con il Vangelo e la frequenza all’Eucarestia, con il canto liturgico – da storico basso della Corale ‘Don Pietro Scainelli’- con la preghiera in famiglia, con la condivisione della bellezza e della gioia di stare insieme”.

pubblicità

Queste alcune delle parole che il parroco don Armando ha dedicato a Gualtiero Brasi, 74 anni, sotto la vòlta del PalaDonBosco strapieno di persone accorse per porgere l’ultimo saluto ad una delle figure più conosciute e significative del paese: “Uno stile di volontariato da portare ad esempio, anche perché erano diversi i campi in cui spendeva il suo impegno, sempre generoso e sorridente, uno stile di umanità, di servizio, di dono per gli altri e per la sua comunità”.

E proprio a nome dell’intera comunità di Parre – al termine di una Messa animata dai canti della sua Corale e dal Coro dei Giovani, dopo il saluto commosso e commovente dei figli William ed Ivana e quello dell’ex-sindaco Adriano Lazzaretti che lo ebbe accanto come consigliere nella sua Amministrazione – l’amico Bortolo  gli ha rivolto queste parole…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 7 MAGGIO

pubblicità