PARRE – Il Corpus Domini al tempo del Covid

Il 16 giugno scorso secondo il calendario liturgico ricorreva la festa del “Corpus Domini” che dalle nostre parti rievoca da secoli tradizioni particolarmente importanti, con contrade parate  a festa e processioni, con i preti che portano sotto il baldacchino di seta, ricco di ricami fioriti e di ornamenti dorati, preziosi ostensori.

Quest’anno però per i noti dolorosi avvenimenti si è dovuto rinunciare a solenni manifestazioni religiose e si è pensato ad una particolare celebrazione nella grande area coperta del PaladonBosco dell’Oratorio, sede anche della Messa festiva delle ore 10.

Davanti all’altare era stata deposta la suggestiva statua del “Cristo morto”, pregevole copia di quella, del tutto rovinata, appartenente al gruppo fantoniano del “Compianto” presente nella chiesa parrocchiale; tutt’intorno, tra i fiori, le foto ingrandite di ognuno dei cittadini parresi morti per il Covid19.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 3 LUGLIO