PARRE – Angelo Nava: “Vivo da solo ma non mi sento solo, la mia famiglia ora è tutto il paese”

1300

Due storie di anziani della nostra zona. Due storie diverse. Due facce della stessa medaglia, quella dell’essere anziano ma vissute in modo diverso. Battista di Endine che è solo e si sente solo, Angelo di Parre che è solo ma non si sente solo, perché la sua famiglia ora è il paese, che lo aiuta, lo invita, lo va a trovare, sta con lui. Ecco, la vecchiaia cambia non a seconda di chi la vive, ma a seconda di chi ci sta attorno. Ricordiamocelo. Perché se ci va bene, prima o poi diventeremo tutti vecchi. 

+++

Pensionato, 74 anni, Angelo Nava lo puoi incontrare facilmente in giro per il paese: saluta tutti e tutti lo salutano, ti chiede se hai voglia di un caffè, sorride sempre, si interessa di tutto quanto succede in giro e se c’è qualcosa da fare per dare una mano non si tira mai indietro: “Mi piace anche leggere, serve anche a tenere allenata la mente, vado spesso in Biblioteca, ma mi piace soprattutto stare con la gente e intrufolarmi nella miriade di associazioni di volontariato che ci sono qui. Non riuscirei a starmene fermo tutto il giorno in casa, e quando ci torno la sera voglio poter dire a me stesso:-Beh, qualcosa di buono l’hai combinata anche oggi, adesso puoi andare a dormire tranquillo”. Angelo non si è mai sposato, ha alle spalle un passato da operaio alla Fonderia Gandossi, in bassa Valle, e  15 anni di convivenza, una storia finita da qualche anno; da allora si è stabilito a Parre, dove già contava molti amici e conoscenti anche perché fino alla pensione ha avuto un ruolo importante come allenatore di atletica leggera: “Ero sempre in giro per questo motivo, da giovane facevo atletica anch’io,  correvo per l’esercito a Roma dov’ero militare; poi ho cominciato ad allenare i ragazzi e le ragazze dei nostri paesi, soprattutto quelli che si dedicavano al mezzo fondo: i migliori di loro li accompagnavo annualmente a Roma per partecipare come provincia di Bergamo ai Giochi della Gioventù: una grande responsabilità ma anche tante soddisfazioni, soprattutto da parte delle ragazze – che secondo me hanno una marcia in più perché in quello che fanno ci mettono l’anima – ma anche da parte dei loro genitori che mi davano fiducia. Lavoravo soprattutto di notte, in fonderia, e così di giorno ero sempre in giro per gli allenamenti e le gare”. Ma proprio a pochi mesi dalla pensione Angelo ha un grave incidente sul lavoro: “Mi è caduta su un piede una colata di acciaio da 16000 gradi, come la lava di un vulcano…Praticamente mi ha bruciato un piede e da allora zoppico….”. Nemmeno l’infarto subito 6 anni fa riesce a fermarlo: “Tornavo da Gromo in auto e fortunatamente sono stato soccorso subito e portato con la Croce Rossa a Bergamo dove mi hanno operato: sono stato fortunato, è stato quasi un miracolo, i medici dicevano che qualora avessi tardato di mezz’ora ad arrivare in ospedale sarei sicuramente morto”. Ora Angelo fa parte del Gruppo di volontari che ogni domenica porta a Messa a Piario i disabili del Centro di Groppino e che anche durante la settimana li accompagna a fare passeggiate, gite e ‘pizzate’…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 18 FEBBRAIO

pubblicità