OSPEDALI/1 – L’appello delle donne malate di cancro al seno: “Hanno fermato gli screening. Non c’è solo il Covid. Ogni giorno muoiono in Italia 485 persone di tumore. Aiutateci”

Diventa sempre più difficile, è stato difficile per tutto il 2020 e ora in mezzo alla seconda ondata lo è ancora di più. Avere un tumore al tempo del Covid è davvero un casino, prenotazioni che slittano, incontri, colloqui, in alcuni casi anche le cure. Abbiamo seguito per mesi malati di cancro che ci hanno raccontato le loro incredibili….avventure, di cui avrebbero fatto volentieri a meno e ora pubblichiamo un appello che ci ha inviato Myriam Pesenti, punto di riferimento di ‘Cuore di Donna’, un’associazione nata dall’idea di alcune donne accomunate dalla voglia di vincere la loro battaglia contro il cancro ‘donne che sanno stare in perfetta cordata e che insieme stanno scalando una montagna – come scrivono loro stesse – consapevoli che per raggiungere la vetta dovranno affrontare un impervio percorso, ma che hanno deciso di affrontarlo con il sorriso e con la forza che solo una donna possiede’.

Di seguito l’appello che come Associazione di volontariato che si occupa di tumori femminili stiamo lanciando per sollecitare interventi volti a porre maggiore attenzione agli screening preventivi e ai controlli oncologici follow up.

“Non c’è solo il COVID-19. Ci sono patologie ben più aggressive, che ancora oggi, nonostante il progresso delle cure, sono difficili da sconfiggere. Tra queste, il CANCRO. In media ogni giorno oltre 485 persone muoiono in Italia a causa di un tumore. Questa patologia rappresenta la seconda causa di morte (29% di tutti i decessi). In questo momento il COVID offusca il CANCRO, NON LO FERMA e pone chi di dovere ad essere disattento, soprattutto nei riguardi della diagnosi precoce che per il tumore al seno per esempio, è fondamentale. Esami diagnostici rinviati, follow up dimenticati. La nostra Associazione ha messo in campo ad Ottobre sul territorio di Milano una campagna preventiva che è stata SOSPESA, in quanto i medici sono stati tutti richiamati nei reparti Covid, la malattia che quando abbiamo posto l’attenzione attraverso la nostra pagina social, aveva registrato quel giorno in Italia 128 morti, contro i 485 del tumore. Non sminuiamo il Covid, sia chiaro, il Covid è un serio problema che non va sottovalutato, anzi, ma siamo certe che molte morti, saranno una conseguenza dell’incapacità di gestire oltre al Covid il resto delle malattie, soprattutto i tumori…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 6 NOVEMBRE