Ospedale di Piario, la visita del consigliere regionale Schiavi: “Bene l’avanzamento dei lavori, ma l’attenzione resta costante”

220
visita di Schiavi all'Ospedale di Piario

Nella mattinata di oggi, venerdì 14 luglio, il Consigliere Regionale bergamasco Michele Schiavi ha effettuato un sopralluogo all’Ospedale di Piario, insieme alla direzione strategica dell’ASST Bergamo EST, presso il cantiere del Centro per i disturbi del comportamento alimentare in fase di realizzazione nella ex-lavanderia al fine di verificare lo stato di avanzamento dei lavori.
L’investimento complessivo previsto inizialmente doveva essere di € 1.300.000,00, ma la necessità di alcune modifiche progettuali richieste dalla Soprintendenza e il rinvenimento, a cantiere già avviato, di manufatti da bonificare hanno comportato un aumento delle spese fino ad oltre € 1.650.000,00. Il Centro prevede la realizzazione di 10 nuovi posti letto in regime residenziale, 2 posti letto in day hospital, ambulatori specialistici per la presa in carico e spazi comuni, con la possibilità futura di destinare spazi alla didattica universitaria e non solo.

“Nonostante i ritardi iniziali e l’aumento dei costi, sono soddisfatto dell’attuale stato di avanzamento dei lavori. L’azienda sta recuperando il ritardo accumulato per terminare i lavori entro settembre 2023” afferma il consigliere Schiavi.
“Confido nel rispetto dei tempi prestabiliti, sia perché il presidio ospedaliero di Piario deve continuare ad essere al centro della strategia regionale, sia perché il CDCA sarà un presidio fondamentale e di eccellenza per dare una risposta a tutte le famiglie della nostra Provincia che, soprattutto dopo il covid-19, si trovano a fronteggiare i disagi dovuti al comportamento alimentare, soprattutto tra i membri giovanissimi delle nostre comunità”.
“Da parte mia continuerò a tenere alta l’attenzione, continuando a monitorare lo stato di avanzamento del cantiere, eventualmente anche con altri sopralluoghi. È stato un piacere apprendere che nel frattempo l’azienda ha già avviato i percorsi di selezione e formazione del personale, anche in collaborazione con l’Università degli Studi di Bergamo con cui inizierà un apposito corso formativo per gli operatori destinati al CDCA” conclude il Consigliere regionale di Fratelli d’Italia Michele Schiavi.

pubblicità