ONETA – In occasione del mese mariano e delle feste estive rivive l’antica chiesetta della Plazza, l’”oratorio campestre” che risale al 1703

135

E’ ancora molto viva, nei nostri paesi, la tradizione che vuole il mese di maggio dedicato al culto della Madonna, con celebrazioni religiose che raggiungono, nelle sere di questo mese, anche le chiese e le cappelle più defilate che punteggiano il nostro territorio. Come quella in località Plazza, nel Comune di Oneta, a 920 m. di quota, dove non solo  gli abitanti del piccolo borgo ma anche i devoti che vengono da fuori non mancano mai agli appuntamenti mariani ed alla celebrazione, a giugno, della festa della SS. Trinità. La chiesetta di Plazza, dedicata alla SS. Trinità, risale al 1704, quando venne costruita sui resti di preesistente tempietto votivo. All’epoca il nucleo abitativo godeva di una notevole densità demografica perché  nel 1688 vi abitavano 19 famiglie (fuoghi) ed era caratterizzato da una intensa attività agricola  grazie alla felice disposizione del terreno. Dopo il secondo conflitto mondiale vide però un lento ma inesorabile abbandono del luogo a favore di paesi del fondo valle. Nell’ottobre del 1984 la contrada fu però raggiunta da una..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 4 GIUGNO

pubblicità