OLTRESSENDA – Dopo la prestigiosa ‘Stella Verde’ Michelin 2023 lo chef Michele Lazzarini: ”Non potrei lavorare in un luogo dove dalle finestre non si vedono le montagne”

542

“Questo riconoscimento non ce l’aspettavamo proprio a distanza di soli cinque mesi dall’apertura del nostro ristorante dell’agriturismo Contrada Bricconi: ma ci fa ovviamente molto piacere perché la ‘Stella Verde’ della guida Michelin 2032 è proprio l’emblema della sostenibilità ambientale, che è il senso più profondo del nostro progetto”. Così lo chef Michele Lazzarini, 30 anni,  a commento del prestigioso riconoscimento ottenuto recentemente. La motivazione del premio parla infatti del suo “sforzo quotidiano per sostenere il territorio che circonda l’agriturismo, al fine di lavorare i suoi prodotti in modo sostenibile, il più possibile in sintonia con le stagioni, e promuovere uno stile di vita sano per gli animali e per gli ospiti della struttura. L’installazione di una caldaia a biocompensazione assicura energia 100% green”. Nato a Gandellino, Michele  si è appassionato fin da giovane alla cucina, passione trasmessagli dalla mamma che tuttora è la cuoca della trattoria ’Da Martino’, e dopo essersi diplomato alla Scuola Alberghiera di Clusone  ha lavorato da Gualtiero Marchesi in Franciacorta per poi trasferirsi alcune stagioni a Saint Moritz. Di lì il ritorno in Franciacorta e il passaggio al St. Hubertus di San Cassiano, impegni inframezzati’ da numerose esperienze di lavoro in giro per il mondo, dal Nord Europa al Sudamerica.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 18 NOVEMBRE

pubblicità