NEMBRO – La Farmacia di Gavarno un anno dopo. Paola e Lara che hanno aperto in piena pandemia

11 luglio 2020. Un giorno importante per la comunità di Gavarno, frazione di Nembro confinante con Scanzorosciate. In quel giorno dell’estate 2020, pochi mesi dopo l’esplosione dell’emergenza Covid, veniva infatti aperta la “Farmacia di Gavarno”, la prima in assoluto in questo borgo.

Ciò ha rappresentato il simbolo della rinascita di questi luoghi pesantemente colpiti dalla pandemia, oltre che un nuovo e importante servizio per la cittadinanza.

Gli abitanti di Gavarno erano infatti costretti a recarsi a Nembro o Scanzorosciate per acquistare i farmaci. Adesso possono invece contare su una farmacia “sotto casa”, dove è possibile acquistare, oltre ai farmaci, anche integratori, dispositivi medici, prodotti di veterinaria, omeopatia, fitoterapia, dermocosmesi, prodotti per l’infanzia e servizi alla persona, tutti prodotti di alta qualità.

La Farmacia di Gavarno è gestita da Paola Bianchi e Lara Sangaletti.

L’apertura della farmacia – sottolinea Paola, residente a Lovere – è stata per me un traguardo importante dal punto di vista professionale. A oltre un anno di distanza dall’apertura, posso dirmi soddisfatta di questa nostra attività. Quando abbiamo aperto la scorsa estate, la situazione stava migliorando, per quel che riguarda l’epidemia di Covid, e non c’era più l’emergenza dei mesi precedenti. I cittadini hanno quindi avuto modo di conoscerci in un clima più sereno, meno pesante. In particolare, hanno avuto modo di conoscere il nostro modo di lavorare, la nostra professionalità e l’ottima qualità dei prodotti venduti nella nostra farmacia. Tra l’altro, i Gavarnesi aspettavano da tempo l’apertura di una farmacia. Nei mesi precedenti mi ero confrontata con gli amministratori comunali e con i componenti del Comitato di Frazione, sapevo quindi che i residenti non vedevano l’ora”.

Quella della Farmacia di Gavarno è una location strategica, perché l’edificio si trova lungo la via principale di Gavarno, una importante strada di passaggio che da Nembro e dalla Valle Seriana conduce a Scanzorosciate, alla Valle Cavallina e all’hinterland di Bergamo.

Si trova quindi in una posizione molto interessante, in particolare per le migliaia di pendolari che per motivi di lavoro transitano ogni giorno di fronte alla farmacia, ma anche per gli abitanti di Nembro che si recano a Trescore (e viceversa). Inoltre, dietro l’edificio passa una pista ciclopedonale molto frequentata da ciclisti e podisti.

Tutto ciò sta a significare che la Farmacia di Gavarno non è aperta solo agli abitanti della frazione, ma a tutti: a chi vive a Nembro, Scanzorosciate e nei paesi limitrofi, ma anche a chi risiede nella città e nell’hinterland di Bergamo.

Già, sembra impossibile, ma in effetti dalla “Città dei Mille” a Gavarno ci sono solamente otto minuti di strada in auto, passando dalla galleria di Montenegrone.

È proprio per questo motivo – spiega Lara, che abita a Nembro – che desideriamo farci conoscere anche da chi non abita qui, ma che magari ci passa di frequente. Adesso la nostra sfida è di attirare, diciamo ‘ingolosire’ le persone che ci passano davanti ma che non ci conoscono ancora”.

Come li volete “ingolosire”? …

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 27 AGOSTO