NEMBRO – Casa di Riposo, prima il Covid, adesso le bollette: aumentano i costi e le rette

38

La Casa di Riposo di Nembro ha oltre due secoli di storia ed è da sempre nel cuore dei cittadini nembresi. Lo si è visto quando, nel 2021, dopo l’emergenza Covid, la Fondazione che gestisce la struttura aveva un passivo di 400 mila euro dovuto alle mancate rette degli ospiti deceduti ed è stata salvata grazie alla solidarietà e generosità di tanti abitanti di Nembro, che hanno aderito ad una raccolta fondi straordinaria promossa dal Comune e dalla Parrocchia.

Oggi, superata la pandemia, un’altra emergenza si abbatte sulle Case di Riposo: è legata agli aumenti spropositati dell’energia e all’inflazione, tant’è che la Fondazione ha deciso di aumentare di 2 euro al giorno la retta degli ospiti.

Il presidente della Fondazione, Valerio Poloni, spiega: “I costi dell’energia elettrica e del metano sono raddoppiati rispetto al 2021 e con l’inflazione al 10% sono aumentati anche i costi di tutti i prodotti che acquistiamo, pannolini, detersivi ecc. Inoltre, a dicembre dello scorso anno abbiamo rinnovato il contratto ai dipendenti che era scaduto. Rispetto al 2021 c’è un incremento di costi di 200 mila euro, quindi l’impatto sul bilancio sarà oggettivamente pesante. Chiudiamo il bilancio del 2022 con le nostre risorse e gli accantonamenti, ma per il 2023 se i prezzi dell’energia non scenderanno saremo veramente in difficoltà…

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 20 GENNAIO

pubblicità