NEMBRO – Casa di Riposo ancora chiusa ai parenti, ma gli ospiti possono uscire

Durante la prima ondata della pandemia, in Valle Seriana ci sono state moltissime vittime, anche nelle Case di Riposo. Superata la prima fase dell’emergenza sanitaria, per prevenire nuovi contagi e focolai le Rsa sono state blindate, ossia chiuse al pubblico, e nemmeno i parenti degli ospiti in questo anno e mezzo di pandemia sono potuti entrare nelle strutture. Queste misure da un lato sono state efficaci a livello sanitario, azzerando i contagi nelle Rsa, ma dall’altro hanno isolato e creato dei grossi disagi a delle persone già fragili. Per cercare di alleviare queste sofferenze, in questi mesi gli operatori delle Rsa si sono attivati per fare in modo che gli ospiti potessero vedere in qualche modo i loro congiunti. La stanza degli abbracci è stata introdotta nella Rsa di Nembro a dicembre 2020 per dare la possibilità agli ospiti di avere un minimo di contatto con il loro familiari.

Per gli ospiti della nostra Casa di Riposo – spiega il presidente Valerio Poloninon poter abbracciare i propri familiari per diversi mesi è stato molto pesante e doloroso, perché si è interrotto quel rapporto di relazione tra genitore e figlio. E visto che per tre mesi si potevano vedere solo col tablet, e successivamente anche una volta a settimana col distanziamento, per loro questo è stato un motivo di grande sofferenza. Purtroppo molti di loro non hanno piene capacità e non riuscivano a capire la situazione che si era creata. Alcuni erano in stato confusionale e si chiedevano perché i figli li avessero abbandonati. In questi mesi con tutto il personale della Rsa abbiamo messo in campo tutte le risorse disponibili per favorire la socialità dei nostri ospiti ed alleviare agli ospiti questa sofferenza”.

Oggi gli ospiti e tutto il personale della Rsa sono stati vaccinati e da giugno 2020 non ci sono più stati casi di Covid. Da giugno di quest’anno gli ospiti possono uscire all’esterno coi propri parenti, andare al proprio domicilio, al bar, etc. e l’uscita non ha limiti di tempo. Inizialmente c’era l’indicazione di contenere le uscite una volta la settimana, ma da agosto le uscite sono incondizionate; uno esce quante volte vuole..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 10 SETTEMBRE