MONASTEROLO DEL CASTELLO – Il “miracolo di fine anno”: la sicurezza unisce maggioranza e minoranza. Il Consiglio comunale approva all’unanimità la convenzione sulla polizia locale con Ranzanico, Spinone, Bianzano e Gaverina

Si litiga, si polemizza, si lanciano frecciate a destra e a manca, ma poi ogni tanto sulle sponde ghiacciate del lago si trova una unità d’intenti. È successo il 29 dicembre a Monasterolo del Castello, quando nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale si è trovata una unanimità d’intenti tra la maggioranza di “Insieme per Monasterolo” e la minoranza di “Gente e Paese 2.0”.

Al centro del dibattito c’era l’approvazione della convenzione per la gestione associata della funzione fondamentale di polizia municipale e polizia amministrativa locale tra i Comuni di Ranzanico, Bianzano, Gaverina Terme, Spinone al Lago e, appunto, Monasterolo del Castello.

Lo scorso mese di ottobre, infatti, il Comune guidato dal giovane sindaco Gabriele Zappella aveva chiesto al Comune capofila Ranzanico e per conoscenza agli altri enti locali associati, di poter entrare a far parte dei Comuni convenzionati (trattandosi di paese limitrofo) e con le medesime necessità di ordine pubblico e di tutela del territorio.

La gestione associata delle funzioni sopra elencate è rivolta al perseguimento delle seguenti finalità: migliorare l’efficacia e l’efficienza dei servizi erogati; contenere la spesa per la gestione di tali servizi; avviare o rafforzare le modalità di concertazione territoriale. La durata della presenta convenzione è di dieci anni con decorrenza dalla sottoscrizione

Il primo cittadino di Monasterolo ha sottolineato in Consiglio l’esistenza di un bando regionale che favorisce l’assegnazione di contributi alle gestioni associate di polizia locale. ..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 8 GENNAIO