MONASTEROLO /CASAZZA – Anna e i suoi 99 anni trascorsi tra Monasterolo, Casazza e quel Belgio di cui ha “amato anche il clima triste”

Anna Pesenti ha chiuso i suoi occhi pieni di gioia e di voglia di vivere dopo quasi un secolo di vita. Sì, lei che è nata a Monasterolo il 27 gennaio del lontanissimo 1921, avrebbe tagliato questo importante traguardo tra cinque mesi. E, invece, se n’è andata pochi giorni prima di Ferragosto a Casazza. La sua lunga vita iniziata sulle sponde del Lago di Endine è poi proseguita all’estero, in Belgio, dove lei e suo marito Giuseppe “Bepo” Rosa (nato anche lui a Monasterolo due giorni prima di lei, il 25 gennaio 1921, e scomparso il 30 novembre 2004) hanno vissuto dal dopoguerra alla metà degli anni Ottanta.

Bepo era infatti uno dei tanti italiani emigrati in Belgio per lavorare nelle miniere di carbone, tra cui si ricorda la tristemente famosa Marcinelle, dove morirono centinaia di minatori del nostro PaeseSUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 28 AGOSTO