LOVERE – Una squadra dalla filosofia diversa: divertimento, volontariato e sport nel ricordo di Andrea, la vittoria in campionato e il racconto dei ragazzi

888

Una squadra particolare, già dal nome, una squadra che ha sempre mischiato divertimento, volontariato e sport. Una squadra nel ricordo di Andrea e supportata dall’oratorio. Una squadra che ha vinto il campionato del CSI nella propria categoria con una filosofia davvero unica. E così la raccontiamo qui, per voce di chi in quella squadra ci gioca e quella squadra la gestisce, per primo Lorenzo Taboni, papà di Andrea, scomparso troppo presto in un incidente nel 2006, ma scomparso solo qui, sulla terra, per il resto da lassù sta festeggiando con la squadra, la sua squadra.

INTERVENTO 

Con Andrea per … – Oratorio di Lovere: “Lo scudetto più importante è la filosofia di vita imparata in Oratorio”

Eccoci siamo qua, abbiamo vinto il campionato, quasi non ci crediamo, così con una giornata di anticipo. I ragazzi, lo staff hanno interpretato a pieno cosa sia comunità, associazionismo e oratorio. Certamente le vittorie aiutano, ma non cambiano lo spirito sul quale è impostata la squadra: il gruppo.  La correttezza, l’aiuto nei confronti “dell’avversario” , non abbiamo mai negato, come è accaduto a noi,  le richieste che ci sono arrivate dalle altre squadre di spostamenti di partite per mancanza di giocatori o altro e di questo ne siamo fieri.  La soddisfazione sarebbe stata simile anche se non avessimo vinto, anche se ciò certamente non ha guastato.  La Squadra con Andrea per ha interpretato facilmente la filosofia appresa negli anni di frequentazione  dell’Oratorio da parte di molti di noi e questo è lo scudetto più importante. Aggiungiamo, e  non è una battuta,  che sono stato letteralmente diffidato , dagli allenatori e dalla squadra, di assistere dal vivo alle partite; perchè alla prima partita in cui ero presente c’era stata una sonora sconfitta, le motivazioni “validissime” derivavano dalla “cabala”,così dissero,  situazione ampiamente considerata dal codice sportivo”.  Ora per l’ultima partita, la “cabala” e il particolare codice sportivo adottato è decaduto e per l’ultima partita  la diffida nei miei confronti è stata revocata!…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 6 MAGGIO

pubblicità