LOVERE – Lucchini dà i numeri: 24.8 milioni di utile. 2049 dipendenti, 648 all’estero, primo produttore d’Europa per ruote di treni, 470 dipendenti in Cina e ora…

704

Un utile di 24.8 milioni di euro. Approvato il bilancio di Lucchini Rs Spa, e sono ancora una volta numeri che fanno la differenza. Ed ecco i numeri:

Ricavi  consolidati pari a 468 milioni di euro in crescita sul 2020, con EBITDA pari  a 42,7 milioni di euro e Patrimonio netto consolidato pari a 491,4 milioni di euro.

Nascita di “Lucchini FA.RO. S.r.l.”, società leader nella distribuzione di acciai per utensili, dall’aggregazione aziendale tra “Lucchini Tool Steel S.r.l.” e “FA.RO. Acciai S.r.l.”

I ricavi netti di Gruppo si attestano a 468 milioni di euro, in crescita del 15,9% rispetto all’esercizio precedente con un utile netto di 24,8 mil. di euro. Il fatturato estero è pari al 71% del totale.

Il Gruppo ha mantenuto una importante politica di investimenti tecnici, realizzati nell’esercizio, per 16,1 milioni di euro.

Un’attenta gestione patrimoniale ha permesso di finanziare tali investimenti tramite la generazione di cassa derivante dalla gestione e al contempo di migliorare ulteriormente il livello di indebitamento, con una Posizione Finanziaria netta in lieve miglioramento da 13 milioni di euro a fine 2020 a 12,6 milioni di euro a fine 2021. La solidità finanziaria si conferma, grazie anche ad un patrimonio netto cresciuto a 491 milioni di euro; il Gruppo si presenta con un indice di indebitamento “Debt/Equity” inferiore al 3% a fine 2021.

L’organico complessivo medio del 2021 si attesta a 2.049 dipendenti, di cui 648 nelle controllate estere.

I prodotti Lucchini RS nascono da acciaio prodotto internamente, tramite forno elettrico: la materia prima proviene da fonti riciclate, mentre l’energia elettrica è generata per il 40% da fonti rinnovabili. Lo stabilimento di Lovere, già nel 2010, aveva installato un impianto fotovoltaico a tetto che all’epoca era tra i più grandi d’Italia; attualmente è in fase di realizzazione un ulteriore forte incremento di produzione elettrica fotovoltaica per i siti produttivi del Gruppo.

Una quota sempre maggiore dei prodotti realizzati dal Gruppo viene indirizzata ad impieghi sostenibili: basti pensare alle ruote ed agli assili ferroviari, di cui Lucchini RS è il maggior produttore UE, destinati a una tipologia di trasporto che ha tassi di emissione di CO2 minimi rispetto a quello su strada, navale o aereo e che a fine vita possono perfino essere riacquistati dal Gruppo per tornare ad alimentare la produzione di nuovo acciaio, in un processo di totale ed effettiva circolarità!…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 AGOSTO

pubblicità