LOVERE – INTERVENTO – Guizzetti: “Il limite per i pannelli solari è del 2011 ma noi lo stiamo modificando. Il Comune non impone niente, siamo in linea con la Sovrintendenza”

222

Nel numero di Araberara del 18 marzo scorso è stata pubblicata una “Lettera aperta” del Signor Valerio Dò al quale l’Amministrazione comunale risponde con lo scritto seguente, ringraziando la Redazione per l’ospitalità. Nel pregevole scritto del Signor Valerio Do viene trattato un tema purtroppo di stretta attualità: quello del risparmio energetico e della differenziazione delle fonti di energia per la sua produzione. Focalizzando il suo periodare sulla produzione di energia elettrica derivante dall’installazione di pannelli solari sulle unità abitative, probabilmente nella foga della esposizione, vengono riportate alcune affermazioni inesatte e volte a comprovare una mala gestio dell’Amministrazione comunale su questa tematica; se non bastasse afferma anche che, nella procedura autorizzativa dei pannelli solari, vengono imposti interventi non dovuti e quindi inappropriati, generati da una sorta di atteggiamento dispotico da parte dell’Ufficio tecnico. Con la presente si ritiene quindi necessario fare alcune precisazioni e fornire informazioni utili a chiarire il comportamento dell’Amministrazione, tanto più che essendo il Signor Dò funzionario pubblico addetto al controllo della sicurezza sui luoghi di lavoro e quindi preparato  all’applicazione di norme e regolamenti,  non potrà che convenire  che l’applicazione della norma deve essere scevra da motivazioni o valutazione personali, esulando dal compito dei funzionari l’applicazione a titolo discrezionale di tali strumenti; il loro compito , come del resto quello del Signor Dò, si limita a far osservare che quanto proposto rispetti la regola in essere. Si precisa innanzitutto che l’installazione per la produzione di acqua calda è sempre consentita, in aggiunta ai pannelli fotovoltaici, con l’installazione di pannelli termici, con superfice max di 4 mq. ogni unità immobiliare e senza limiti per fabbricato, in modo da consentire produzione di acqua sanitaria per ogni utilizzo…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 1 APRILE

 

pubblicità