LOVERE – Il ricordo di Franco Macario: “In silenzio te ne sei andato, così come in silenzio hai servito Lovere”

Caro Franco,

in silenzio te ne sei andato, così come in silenzio hai servito nella tua intensa vita il tuo paese, Lovere. Tante associazioni hanno voluto ricordati con una partecipazione: la Croce Blu, la Canottieri Sebino, Lovere Domani, il Partito Democratico, l’Amministrazione Comunale. Ovunque sei passato, hai lasciato un segno importante, per questo non possiamo lasciarti andare così, in silenzio. Vogliamo ricordarti per quello che sei stato. Un uomo buono, generoso, tenace, sempre cortese. Un uomo attento con un forte senso civico; l’impegno sociale è stata la stella polare di tutta la tua vita. Un uomo concreto, un uomo di fede, una fede non astratta, ma tradotta in tante opere e in un impegno costante e quotidiano. Il tuo servizio inizia in Parrocchia, in Oratorio nell’organizzare il carnevale, tra i ragazzi, al Crystal, al Centro Bonomelli e nell’allestimento dei presepi in chiesa e cambusiere ai campi Scout con Antonia. La tua sensibilità ti ha portato fin da subito all’impegno sociale, lì dove si rifletteva, si discuteva, si cercava di capire e di fare tu c’eri. Tra i giovani, nelle ACLI  e poi nella DC dove hai iniziato il tuo impegno politico che ti ha portato per anni a essere Consigliere Comunale e Assessore ai lavori Pubblici. La politica per te è stato il modo naturale e privilegiato per servire e dimostrare la tua attenzione verso le persone e il tuo paese. In ogni realtà in cui sei stato presente, con la tua competenza e la tua serietà sei stato una certezza e un punto di riferimento sicuro.  Eri un uomo di dialogo. Con buon senso hai sempre cercato di costruire ponti e non muri, di trovare soluzioni, di tessere una tela, di mantenere un atteggiamento sereno e di guardare al futuro.  Alla tua esperienza tanti di noi hanno fatto ricorso per un consiglio, mai negato e sempre utile. Anche nella professione hai saputo essere un punto di riferimento. Lo stabilimento siderurgico di Lovere ti ha visto stimato ed esperto metallurgista, nei laboratori e in sala prove;  affrontavi i problemi con un taglio tecnico partendo dall’oggettività dei dati cercavi sempre soluzioni tecniche migliorative…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 18 DICEMBRE