LOVERE – Graziano Martinelli, 42 anni da medico, finisce qui: “Una vita da medico, amicizie, malattie, la mia Lovere e ora si guarda avanti”

Graziano Martinelli finisce qui. Quarantadue anni da medico di base a Lovere, nella sua Lovere, fine agosto, quell’aria malinconica di fine estate ma che nello stesso tempo ti fa respirare quella soddisfazione di un traguardo davanti a un tramonto rosso e l’autunno magicamente si fa da parte. Un po’ come la vita di Graziano Martinelli, 68 anni, ancora tutta da scrivere, guardando avanti, spinta dal vento dell’Ora della sua Lovere. 68 anni compiuti il 13 agosto, e adesso cosa fai? “Non lo so ancora, pensavo di avere più tempo in questi giorni per organizzarmi e invece per ora sono ancora di corsa, sto seguendo i miei pazienti e molti mi hanno chiesto di ultimare alcune cose con loro e mi sembra doveroso esserci”.

Come è finire dopo 42 anni? “Penso sia la decisione giusta, nel senso che mi ero dato un obiettivo per terminare, ho completato il mio percorso, una volta il limite era quello di 65 anni, ora è stato portato a 68 anni ed è giusto farsi da parte”.

Cosa vuoi fare …da grande? “Qualcosa in questo campo continuerò a fare, ho la specialistica in diabetologia e scienza dell’alimentazione, vorrei fare qualcosa in questo ramo”. Avrai più tempo per le tue passioni: “Mi piace andare in montagna, viaggiare, leggere, ma penso che forse finalmente riuscirò a trovare il tempo per andare più spesso da mio figlio che studia Chimica in Olanda”.

Cosa ti dispiace lasciare? “Tanti pazienti con cui in questi anni si è instaurato un rapporto di amicizia, sembrano banalità ma in effetti poi nella realtà dei fatti si instaura un rapporto che col tempo diventa amicizia, abbiamo condiviso momenti alcune volte difficili e si è creato una sorta di rispetto e affetto reciproco, per questo in questi giorni sono un po’ preso a seguire alcune problematiche e percorsi di alcuni di loro che non si sono ancora conclusi”….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 28 AGOSTO