LOVERE – Dopo anni di discussioni arriva la mini ambulanza per Davine (che cambia la viabilità) ma ora la richiesta è per tutti i Comuni dell’Alto Sebino

338

L’incontro è fissato in questi giorni con l’Areu, tra tutti i sindaci dell’Alto Sebino, sul tavolo il delicato argomento dell’ambulanza di dimensioni ridotte. “Perché è un problema che riguarda tutti, non solo Lovere – commenta l’assessore Giovanni Guizzetti – le strade strette dove far transitare un’ambulanza ci sono ovunque”. Già, perché a Lovere è arrivata finalmente dopo anni di polemiche e attesa un’ambulanza di dimensioni ridotte che riesce a raggiungere anche i vicoli più stretti di Lovere, anche e  soprattutto Via Davine, per anni al centro di polemiche e discussioni, interessata da un annoso problema relativo alla viabilità e alla sicurezza. Negli anni – ricorda Giovanni Guizzetti, Assessore ai Lavori Pubblici – l’Amministrazione comunale ha intrapreso tutte le valutazioni possibili per addivenire ad una risoluzione definitiva del problema vagliando sia studi commissionati dall’Ente che un progetto di allargamento della strettoia di via Davine presentato da un privato cittadino. Tutte le considerazioni che ne sono scaturite non hanno dato garanzia di successo a causa di insormontabili problematiche di natura tecnica o per gli scarsi risultati a fronte di costi ingentissimi a carico del Comune”. “Per tale motivo – spiega il Sindaco Alex Pennacchio – abbiamo previsto la sperimentazione di un impianto semaforico che, unitamente alla modifica della viabilità, possa scongiurare i disagi derivanti dall’incrocio di due auto..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 8 GENNAIO

pubblicità