LEFFE – Gallizioli e i numeri da record di Leffe: i debiti che calano e le tasse che non aumentano. Ecco le ultime opere. E sulla ricandidatura…

258

Fine anno e tra poco anche fine mandato. Marco Gallizioli sorride. Periodo d’oro per lui, per la sua amministrazione e per il suo Comune. Il 28 dicembre verrà approvato il bilancio di previsione del nuovo anno. E intanto Gallizioli, che di numeri e bilanci è espertissimo, si gode una situazione finanziaria invidiabile.

pubblicità

Nel 2017 il Comune di Leffe aveva debiti per 1 milione e mezzo di euro (1.504.968,74 euro per la precisione). L’esposizione debitoria è calata anno dopo anno e si è praticamente dimezzata. La cifra attuale è 838.239,64 euro. E nel frattempo l’amministrazione Gallizioli ha sfornato opere a go go, dalle scuole al cimitero, dal parco Titanic alla nuova rotonda, portando a casa contributi dagli enti sovracomunali ogni anno.

Tutto senza aumentare la pressione fiscale. E a questo il sindaco ci tiene particolarmente. “Anche per quest’anno non abbiamo aumentato nessuna tariffa e non abbiamo introdotto l’addizionale comunale – spiega Gallizioli -. Siamo ormai uno dei pochi Comuni a non averla ancora. Siamo riusciti a garantire, anche per la prossima amministrazione, la possibilità di portare avanti tanti progetti, senza mai andare a mettere le mani nelle tasche dei leffesi. Abbiamo portato avanti una gestione ottimale delle risorse, andando alla ricerca continua di contributi. Così siamo riusciti a garantire gli equilibri di bilancio e tutti i servizi senza aumentare la pressione fiscale”.

E già questa è una scelta controcorrente. “In questo periodo è difficile riuscire a mantenere il target dei servizi senza aumentare la tassazione, mentre aumenta praticamente tutto. Non abbiamo contratto nuovi mutui e stiamo portando il Comune ad estinguere quelli che aveva. Siamo in un periodo virtuoso”. Ma guai a dare a Gallizioli tutti i meriti. “Assolutamente no, condividiamo tutto il lavoro con il gruppo. Cerchiamo di fare tutto ottimizzando le risorse”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 17 DICEMBRE

pubblicità