LEFFE – Don Battista Mignani, personaggio dell’anno, i ricordi della sua gente e quel…matrimonio nel prato

Don Battista Mignani è andato avanti a marzo di questo 2020.  Aveva una salute precaria, ed il Covid non gli ha dato scampo. Se ne è andato serenamente. Le sue ultime parole, fra i suoi parrocchiani, sono state: “Abbracciamoci”! Be’, sicuramente non era il messaggio migliore, in quei giorni, per quanto riguardava la diffusione del virus. Il suo intento era però quello di voler tenere sempre unità la comunità. La sua vita è stata in ogni istante così. Gli abbracci, per lui, partivano dal cuore e passavano da uno sguardo, da una frase di conforto, da un messaggio di speranza. I suoi abbracci erano fatti di braccia tese verso il prossimo, di preghiere a Dio, di esortazione al bene, senza mai scadere nel pessimismo e sempre mantenendo le giuste distanze. Di lui è stato realizzato un ritratto fuori dall’oratorio. La riconoscenza dei parrocchiani di Leffe, in questi ultimi 5 anni di servizio, è davvero profonda e sentita. Valentina Macalli gli ha dedicato un pensiero profondo, che è riportato sullo “Spoon River”… e lei si firma come “La tua badante liturgica”, che indica quale fosse la profondità dei rapporti che Don Battista sapeva creare. Il Sindaco di Leffe, Marco Gallizioli, non ha dubbi nel dire che al Don Battista vada il riconoscimento di essere stato in questi anni un apostolo del Signore che ha dato ricchezza alla propria comunità: “Una persona speciale che con la sua spontaneità ha saputo farsi voler bene sia dai giovani che dagli anziani; ha lasciato un grande vuoto nella nostra comunità ma lo abbiamo nel cuore ed ogni volta che vogliamo sentirlo ancora vicino ci rechiamo all’oratorio dove possiamo ammirare il ritratto del suo volto sorridente!”… E poi i commenti di altri Leffesi: Elena: “Semplicemente indimenticabile….la vita ha deciso di farci un regalo , quando è arrivato tra di noi.  Ora è il nostro Angelo speciale”. Anna Maria: “Mi manca tantissimo lo porto dentro di me quando sono giù di morale guardo la sua fotografia e mi sembra che mi dica vai avanti tuo marito ti è vicino ora ti sono vicino anch’io”. Giannina..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 18 DICEMBRE