LE DENUNCE – Luca, ‘Noi denunceremo’: “Pronte altre 200 denunce. Il Procuratore Rota ci sta ascoltando. Chi ha colpe pagherà”

Ne stanno parlando in tanti, le denunce e le adesioni arrivano da tutta Italia. Sono giorni frenetici per Luca Fusco e ‘Noi denunceremo’, il gruppo creato dal commercialista di Brusaporto che ha perso il padre per Covid. Nei giorni scorsi sono state depositate in Procura 50 denunce ma il grosso da quello che ci racconta Luca deve ancora arrivare: “Abbiamo in mano altre 200 denunce, adesso le stanno vagliando gli avvocati che ci assistono tutti gratuitamente, poi verranno anche queste consegnate in Procura, continuano a crescere, arrivano da tutte le parti d’Italia. non solo da Bergamo. Da Parma ne abbiamo 15, 10 a Reggio Emilia, sta diventando una cosa grossissima, andiamo avanti, senza soldi, senza fondi, da soli, lavoriamo di sera quando rientriamo dal nostro lavoro. Prima di presentare le 50 denunce sono stato personalmente a parlare con la Dottoressa Rota, la Procuratrice, le ho spiegato che non vogliamo intasare la Procura, hanno già tanto lavoro, è stata disponibilissima, ci ha detto di andare e depositare, ci ha messo a disposizione l’ufficiale di polizia giudiziaria, ci hanno messo a disposizione diverse persone, abbiamo trovato una grande disponibilità”. A chi sono rivolte le denunce? “Sono contro ignoti…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 19 GIUGNO