L’amministrazione ribalta tutto e fa ricorso contro la sentenza sul Titanic: “Deve pagare anche il progettista”

LEFFE

L’amministrazione ribalta tutto e fa ricorso contro la sentenza sul Titanic: “Deve pagare anche il progettista”

ar.ca.

Giuseppe Carrarae il suo vice (futuro sindaco, salvo imprevisti, a Leffe ci sarà lista unica) Marco Gallizioli, non si fermano davanti a niente: “Facciamo ricorso contro la sentenza del Titanic”. E la notizia è di quelle che faranno discutere, perché sinora chi si pensava potesse fare ricorso era la ditta che ha subito la condanna e che dovrà pagare qualcosa come 270.000 euro: “E invece lo facciamo noi – spiega Marco Gallizioliperché la sentenza ci ha dato ragione per due terzi, non si è pronunciata sul progettista ma solo per una questione formale, il giudice non ha giudicato perché c’era di mezzo un arbitrato”.E si va avanti col ricorso: “Perché potremmo ottenere quello che ci manca, vogliamo fare valere le nostre condizioni, se a questo punto col ricorso le tre parti in causa accettano il patteggiamento e ci si accorda sui soldi da versare allora si potrebbe chiudere tutto qui”.Insomma, pugno di ferro su una questione, quella del parco pubblico Titanic chiuso ad anni dove l’amministrazione non ha mai messo il freno, anzi: “L’abbiamo presa a cuore da subito perché non è possibile che un parco pubblico sia chiuso da 8 anni per cause che non dipendono da noi”.Quindi? “Quindi ora si lavora da subito per renderlo accessibile e fruibile, abbiamo già in testa come farlo diventare e non vogliamo perdere altro tempo. Se poi i tre che devono pagare si mettono d’accordo fra di loro su come e chi deve versare i soldi noi non entriamo nel merito, l’importante è trovare un accordo”.