LA STORIA – CANCRO AL SENO – Fernanda, il cancro nel 2004 e nel 2011, le operazioni, le cure: “Non mollo, vivo alla giornata”

Fernanda sta aspettando. L’attesa fa parte della sua vita da parecchi anni, da quel maledetto 2004 quando per caso si è accorta di avere un granellino sotto il seno. Adesso sta aspettando l’esito di una ciste al pancreas, le premesse sembrano positive ma Fernanda ci va cauta, ha imparato che bisogna guardare avanti metro per metro. 

Fernanda Maffessanti vive a Bergamo, ha 61 anni, lavora, ha due figlie, è nonna: “Era il 2004 – racconta – ero sotto la doccia e mi sono accorta di questo granellino sotto il seno, sono andata dal medico, tumore, da qui tutta la trafila, quadrectomia, chemioterapia, radioterapia, avevo 45 anni. Poi per anni controlli, sembrava tutto apposto sino al 2011”. 

Sette anni dopo: “Era il giorno della festa della donna, 8 marzo, me lo ricordo come fosse oggi, avevo fatto i soliti controlli di routine, ecografia, mi chiamano, un altro tumore, questa volta al seno sinistro, tumore che non era nemmeno palpabile perché era sotto il capezzolo”. 

Il dramma. Una botta di quelle che non ti aspetti. Incassa il colpo. E poi reagisce. Non c’è altra strada: “Altra trafila, altra operazione, questa volta mi sono fatta fare una mastectomia totale, erano due tumori diversi, uno in un seno e l’altro nell’altro seno, uno aveva recettori positivi e l’altro recettori negativi, non era nemmeno una recidiva e così ho deciso di togliere tutto”. 

Sono passati 9 anni: “Ora mi hanno trovato una ciste al pancreas, mi auguro che non sia niente, per ora mi hanno tranquillizzato, devo fare una biopsia che è un po’ simile alla gastroscopia, mi hanno però detto che per le donne della mia età non è una cosa così rara. Ma preferisco aspettare l’esito definitivo prima di cantare vittoria”. 

Fernanda racconta e si racconta, il cancro come compagno di viaggio degli ultimi 16 anni: “Allora avevo 45 anni, sposata, le mie figlie avevano 13 anni e una 21, ora ho 61 anni, sono divorziata e le mie figlie sono grandi. Lavoravo con mio marito, avevamo un’attività, ora lavoro ancora ma da un’altra parte. E prima di quel tumore mi avevano già tolto la tiroide, ero uscita da poco dall’ospedale ma l’ho affrontato con grinta, ma nel 2011 l’ho presa veramente male. ..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 9 OTTOBRE