Il Ministro della salute inglese: “Questa variante è la peggiore di sempre”

289

Il ministro della salute inglese Sajid Javid ha lanciato l’allarme sulla nuova variante supermutante di Covid, definendola la «peggiore» e annunciando che i vaccini saranno efficaci almeno del 40% in meno per contrastarla. Per questo, il Regno Unito ha sospeso i voli dal Sudafrica e da altri cinque paesi. La variante che tanto spaventa si chiama “Nu” (in precedenza B.1.1.529), ha più di 30 mutazioni, il numero più alto mai registrato finora e quasi il doppio di quelle di Delta, ed è stata individuata per la prima volta in Botswana ma ad oggi è stata rintracciata anche a Hong Kong e soprattutto in Sudafrica. Proprio per questo motivo il Regno Unito ha bloccato i voli provenienti, oltre che da questi tre paesi, anche da Namibia, Lesotho, Eswatini e Zimbabwe. Esempio seguito subito anche da Israele. Finora non sono stati segnalati casi nel Regno Unito, ma Javid ha fatto sapere che tutti gli inglesi che sono rientrati dal Sudafrica negli ultimi 10 giorni saranno contattati e testati. «La prima indicazione» ha detto il ministro della salute inglese, «è che potrebbe essere più trasmissibile della variante Delta e che i vaccini che abbiamo attualmente a disposizione potrebbero essere meno efficaci». «I nostri scienziati sono profondamente preoccupati per questa variante. Si tratta di essere cauti, agire e cercare di proteggere, nel miglior modo possibile, i nostri confini». Gli scienziati sudafricani, nel frattempo, aggiungono che «sono preoccupati per il salto di evoluzione di questa variante». «Da quello che sappiamo c’è un numero significativo di mutazioni, forse il doppio del numero di mutazioni che abbiamo visto nella variante Delta». Gli esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) incontreranno venerdì i funzionari sudafricani per valutare l’evoluzione della situazione nel paese. Anche se finora siano stati identificati solo 100 casi della nuova variante, è già presente in tre paesi, il che suggerisce che sia più diffusa rispetto al conteggio ufficiale. Due casi sono stati rilevati a Hong Kong – entrambi avevano legami con il Sudafrica – tre sono stati rilevati in Botswana e il resto è in Sudafrica. Ma una mancanza di sorveglianza sull’Africa continentale potrebbe sottostimare i numeri reali lì, hanno avvertito gli scienziati. Da quanto è stata rilevata questa variante, le infezioni in Sudafrica sono aumentate di dieci volte, da 100 registrate l’11 novembre alle 1000 registrate ieri.  (fonte Dagospia)

pubblicità
pubblicità