Il Gruppo Scame consolida la propria presenza nel settore della mobilità elettrica attraverso l’acquisizione della società Topgraf srl, storica software house bergamasca.

637

Scame Parre S.p.A. ha finalizzato, in data 27 Gennaio 2022, l’acquisizione del 55% di Topgraf srl, società operante nel campo dell’ICT con sede ad Azzano San Paolo, in provincia di Bergamo. L’accordo è stato firmato dall’Ing. Stefano Scainelli, AD di Scame Parre S.p.A., azienda produttrice di materiale elettrico con sede a Parre (BG), ed Ivo Leidi, Giuseppe Mazzocchi e Roberto Morandi, soci di Topgraf srl che, fondata nel 1990, conta oggi un organico di 20 dipendenti ed è specializzata nella realizzazione di soluzioni cloud based per IOT, logistica integrata, gestione del ciclo commerciale pre-vendita e post-vendita di prodotti e servizi. Fondata nel 1963 a Parre, in provincia di Bergamo, Scame Parre S.p.A. è capofila dell’omonimo gruppo internazionale che impiega 800 dipendenti distribuiti tra la Val Seriana, dove hanno sede il quartier generale e le principali linee di produzione, gli stabilimenti produttivi in Francia, Slovacchia e Portogallo e 14 tra uffici di rappresentanza e filiali in Europa, America Latina, Medio Oriente e Asia a cui si aggiungono 2 consociate italiane. Nel 2021 il Gruppo Scame ha confermato il trend di crescita degli ultimi anni registrando un fatturato consolidato di 155 milioni di euro. Da sempre sensibile alle tematiche ambientali e alla continua ricerca di soluzioni in grado di coniugare qualità, sicurezza e sostenibilità, Scame Parre S.p.A. opera in diversi settori: nel residenziale, nel terziario, nell’industria, negli ambienti con atmosfere esplosive oltre che nell’e[1]mobility, pubblico e privato. L’acquisizione di Topgraf srl si inquadra nella più ampia strategia di Scame Parre S.p.A. volta a rafforzare ulteriormente il proprio ruolo di primo piano nel settore dei sistemi e delle infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici, ambito nel quale, da vera pioniera, opera con successo proponendo soluzioni innovative da più di 20 anni. “La velocità di trasformazione di questo mercato – spiega Stefano Scainelli – ha comportato una duplice azione per stare al passo con le sue crescenti richieste: da un lato si è agito per linee interne costituendo un nuovo reparto di Ricerca & Sviluppo che oggi occupa 20 figure di alto profilo, dall’altro per linee esterne, attraverso alcune acquisizioni mirate”. “A maggio 2021 – continua Scainelli – è stato acquisito l’85% della portoghese Magnum Cap, player storico nel settore dei sistemi di ricarica in corrente in continua, mentre oggi annunciamo l’acquisizione del 55% di Topgraf, azienda operante nel settore. La finalità di entrambe le acquisizioni sono coerenti con la nostra strategia e volontà di crescita nel settore della mobilità sostenibile a sua volta parte integrante del più ampio progetto Europeo di transizione energetica”. “Con questa operazione – aggiunge Roberto Morandi – avremo l’occasione di mettere a fattor comune le conoscenze informatico/organizzative sviluppate da Topgraf in svariati settori, anche al servizio del gruppo Scame. Continueremo così a svilupparci nei segmenti in cui già operiamo con il vantaggio però, nei confronti di tutti gli stakeholders, di entrare a far parte di un gruppo internazionale in grado di aggiungere ulteriori punti di forza a quelli che già ci erano propri, senza per questo compromettere meccanismi già rodati ed affinati in anni di attività”. “L’ingresso di Topgraf nel gruppo Scame – concludono Stefano Scainelli e Giuseppe Mazzocchi – ha un significato strategico per entrambe le aziende. Il software sta diventando un componente essenziale per garantire l’interoperabilità, la connessione e la diffusione dei sistemi e delle infrastrutture per la mobilità sostenibile e questa è la nostra missione”.

 

pubblicità