IL CASO – RANZANICO, UN PAESE DIVISO Viaggio nella Ranzanico spaccata in due: 359 per Freri e 359 per Buelli. Chi siederà sul… “Trono di Spade”?

Il 9 giugno si torna al voto per la “finalissima” dopo il pareggio tra i due candidati. “Speriamo che non ci sia un mercato delle vacche… temo i vu cumprà del voto, che con insistenza cercano il voto degli anziani

“Tante persone preferiscono andarsene perché dicono che a Ranzanico non c’è niente, ma… me sto bé a Ransanich!

 

 Con questa parità tra Buelli e Freri siamo diventati un po’ famosi anche noi…”. Giovanni sorride e riprende il suo cammino lungo il vialetto alberato che conduce al cimitero. “Se ho votato? Certo… e voterò anche il 9. Non cambio idea…”.

359 a 359. E’ questo il risultato che ha spiazzato e sorpreso tutti. 359 voti per il sindaco uscente Renato Freri e 359 voti per il suo predecessore (e aspirante successore) Sergio Buelli. Un paese diviso in due metà, proprio come una mela tagliata nel mezzo.

E così, dopo il pareggio di domenica 26 maggio, il 9 giugno a Ranzanico si gioca la “finalissima”. Se sarà confermata la parità tra i due candidati sindaci, il vincitore sarà il più anziano, Buelli, che a ottobre compirà 75 anni, mentre il più giovane Freri ne ha “solo” 61.

Come vive il paese di Ranzanico questo evento rarissimo, il pareggio alle elezioni comunali? Ed è proprio così divisa al suo interno la popolazione ranzanichese?

Dalla zona del cimitero alla piazza principale del paese ci sono pochissime centinaia di metri, ma in giro non c’è nessuno in questa mattinata stranamente soleggiata. Il maltempo di questa finta primavera sembra ormai archiviato (ma nel pomeriggio le nuvole sono poi tornate…) e l’unico rumore nell’aria è il cinguettio degli uccelli. Sembra quasi che siano loro le uniche creature viventi qui a Ranzanico. Cinguettii a destra, cinguettii a sinistra; nel frattempo, dal campanile suonano nove rintocchi, accompagnati dall’abbaiare di un cane.

Vado verso la chiesa parrocchiale, che è deserta. Poco più in là si avvicina una signora. Luisa sta tornando a casa portando la borsa della spesa…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 7 GIUGNO