IL CASO – Cosa resta delle Botteghe di Albino? Niente presidente, niente direttivo e… niente Shopping Festival

442

La notizia girava da diversi giorni ed è stata confermata: anche quest’anno ad Albino non ci sarà lo ‘Shopping Festival’, la tradizionale festa estiva che si svolgeva ogni anno a metà luglio nelle vie della città prima della pandemia. Il motivo di questa disdetta è che l’Associazione ‘Le Botteghe di Albino’ che lo organizzava, in collaborazione col Distretto del Commercio Insieme sul Serio e con il patrocino del Comune, si è sciolta.

pubblicità

A fine maggio ad Albino in Municipio nella sala consigliare c’è stata infatti l’ultima l’assemblea dell’associazione dei commercianti, a cui hanno partecipato una ventina di persone, tra cui l’assessore al Commercio Davide Zanga e Giorgio Puppi dell’Ascom; durante l’incontro la residente dell’associazione Elena Berera e i componenti del direttivo hanno ribadito che, scaduto il loro mandato, non si sarebbero più ricandidati.

Ci racconta l’ormai ex presidente Elena Berera: “Il 30 giugno si è concluso il mio mandato e quello del direttivo, che è durato tre anni e che abbiamo prorogato di sei mesi per chiudere tutto quello che riguardava la lotteria di Natale. Ci siamo dimessi perché pensiamo che ci sia bisogno di un cambio generazionale, di persone nuove. Purtroppo nell’ultima assemblea a farsi avanti sono stati veramente in pochi; qualcuno avrebbe voluto, però una persona sola non può prendersi carico di tutta l’associazione: bisogna trovare almeno cinque persone, ma intanto non c’è nessuno. L’associazione però non viene sciolta, ma rimane un attimo in stand by, perché chiuderla comporterebbe diversi problemi: non potremmo partecipare ai vari bandi ed avere i contributi comunali e regionali che vengono erogati all’associazione attraverso il Distretto del Commercio. Io sono contenta del lavoro fatto in questi tre anni e mezzo di mandatocontinua Berera Sono stata eletta a giugno del 2019, sei mesi prima della pandemia, poi c’è stata la crisi economica e adesso la guerra…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 8 LUGLIO

pubblicità