I Pinguini Tattici Nucleari: dalla Val Seriana a Sanremo suonando ‘Ringo Starr’

Mentre faccio pausa con il mio caffè macchiato del distributore di Araberara, mi leggo un po’ di notizie qua e là, e mi ci infilo per spezzare una lancia a favore dei Pinguini Tattici Nucleari che stasera esordiscono a Sanremo. Che chi se ne frega se Sanremo tira sempre la solita gogna social, ‘fa schifo’ ‘solo raccomandati’ ecc. E’ il più grande contenitore nazional popolare e anche se io preferisco una partita dell’Inter un occhio ce lo butto sempre. E i Pinguini sono il nostro gruppo rigorosamente ‘Made in Val Seriana’, e fanno musica di qualità. La canzone che portano a Sanremo si chiama ‘Ringo Starr’, (‘in un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr’ è il ritornello che mica è banale, anzi), hanno già il tour è sold out, anche il Forum. Li conosciamo da quando sono nati, qui, in questa valle dove l’arte sembra assopita ma in realtà ogni tanto esplode di meraviglia. E poi un po’ di sana partigianeria, la mamma di Lorenzo, uno dei Pinguini è la mia collega Cinzia Baronchelli e Lorenzo me lo ricordo da quando era un pischello. I Pinguini sono nati dieci anni fa, era il 2010, e il nome arriva dritto dalla birra Tactical Nuclear Penguin, prodotta nel 2009 dal birrificio britannico BrewDog. Il gruppo, made in Val Seriana è composto da Riccardo Zanotti, voce, Nicola Buttafuoco, chitarra, Lorenzo Pasini, chitarra e cori, Simone Pagani, basso e cori, Matteo Locati, batteria ed Elio Biffi, tastiera, fisarmonica e voce. La loro storia l’abbiamo raccontata più volte, una storia di musicisti non certo nati per caso, tutti con una laurea in tasca, la musica che diventa passione, sogno e mestiere. La Sony che si accorge di loro, anni di studio e divertimento per comporre, creare e suonare. Nessun autotune o roba simile, dal vivo sono una meraviglia, provare per credere. Chi se ne intende sa che dal vivo molti artisti quotati si appoggiano a musica sintetizzata, basi, autotune e altre voci. Loro no, rendono da Dio, non lasciano niente al caso e la qualità è di quelle che lasciano il segno. Quindi se vi capita ascoltateli e magari votateli pure. E intanto eccovi un pezzo della canzone:
“Gli amici ormai si sposano alla mia età ed io mi incazzo se non indovino all’eredità
Forse dovrei partire, andarmene via di qua, e cambiare la mia vita in toto tipo andando in Africa
Ma questa sera ho solo voglia di ballare, di perdere la testa e non pensare più
Che la mia vita non è niente di speciale e forse alla fine c’hai ragione tu
In un mondo di John e di Paul io sono Ringo Starr”