GRUMELLO DEL MONTE – PROGETTO – Dentro l’oratorio una casa dove vivono insieme disabili e giovani. “Una palestra per l’autonomia e le relazioni”

Una casa. Dentro l’oratorio. Mura che ospitano la realizzazione di un piccolo grande sogno. Spazi che prendono vita. Un progetto ambizioso, che da qualche mese ha preso il via in una prima fase sperimentale, nella speranza di estendersi ulteriormente. Succede all’oratorio di Grumello del Monte. Che al secondo piano ha un appartamento che fino a poco tempo era poco utilizzato, ma da ottobre dello scorso anno vede invece un’esperienza di residenzialità di giovani davvero preziosa.

I registi di questo progetto, oltre alla parrocchia di Grumello, sono la cooperativa L’impronta e l’associazione In cordata. I protagonisti sono 12 giovani, che si alternano per sperimentare due giorni a settimana di vita comune. Dal martedì al giovedì, ogni settimana, 7 di loro aggiungono alla loro vita ordinaria il ritrovarsi dento una casa comune. Da vivere e condividere. Si tratta di 8 persone disabili e 4 altri giovani del territorio.

Il progetto Home page – spiega la coordinatrice Stefania Belussi, della cooperativa L’impronta – è una sperimentazione partita a metà ottobre. Ovviamente la sua progettazione ha origini più profonde: è stata pensata all’interno dei tavoli di ambito, incontrando le associazioni, in particolare l’associazione In cordata, attiva sul tema della disabilità nell’ambito di Grumello, dove si occupa di più di 35 persone con disabilità….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 7 FEBBRAIO