GRONE – Municipio riqualificato e… benedetto

63

La cerimonia che si è svolta nella mattina di domenica 6 novembre a Grone in occasione del IV Novembre, festa delle Forze Armate e dell’Unità d’Italia (oltre che anniversario della fine della Grande Guerra), era un po’ diversa dal solito. Stavolta, infatti, oltre al consueto ricordo dei Caduti in tutte le guerre, i numerosi cittadini presenti hanno assistito alla benedizione del palazzo comunale da parte del nuovo parroco don Marco Gibellini e al taglio del nastro fatto a quattro mani dal sindaco Enrico Agazzi e da Angiolino Zappella, ex primo cittadino di Grone ed ex presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo di Casazza.

Il taglio del nastro solennizzava la conclusione dell’intervento di riqualificazione energetica dell’edificio comunale. C’è poi stata anche la consegna della medaglia d’onore in ricordo del Gronese Daniele Trapletti.

Il primo cittadino di Grone ha detto durante la cerimonia: “Essere qui oggi per presentare la fine dei lavori di riqualificazione ed efficientamento energetico della residenza municipale è per me un motivo di orgoglio e soddisfazione. La nutrita presenza dei nostri alunni, dei nostri giovani e dei meno giovani avvalora l’importanza di questa giornata istituzionale che inizia con la benedizione del Municipio e nella seconda parte prosegue con la celebrazione del 4 novembre 1918. In questo contesto di storia recente mi corre di ricordare a tutti che Vittorio Emanuele III con Regio

decreto del 17 marzo 1927 stabiliva l’unione dei Comuni di Borgo di Terzo, Berzo San Fermo,

Vigano San Martino e Grone istituendo il Comune di Borgounito con sede a Borgo di Terzo.

SUL NUMERO DI ARABERARA IN EDICOLA DAL 18 NOVEMBRE

pubblicità