GRONE – Addio alla cava. Il sindaco Agazzi: “Entro marzo il piano di recupero ambientale”

Con questo accordo, che ha comportato lunghe discussioni, si chiude un importante capitolo della storia di Grone. Quello della cava era un problema che andava risolto”.

Il sindaco Enrico Agazzi commenta così l’accordo siglato tra il Comune di Grone e l’Italsacci (società del gruppo Italcementi) sulla cava di calcare che si trova in località Acquasparsa, ormai chiusa da diversi anni.

Lo sfruttamento della cava ha origini lontane. Si deve infatti tornare alla fine degli anni Venti del Novecento. Per più di ottant’anni la cava è stata coltivata, portando lavoro a diverse persone e garantendo importanti entrate alle casse comunali di Grone. Tutto si è però concluso nel 2012, quando i lavori alla cava sono terminati e non sono più ripartiti… SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 10 GENNAIO