GRONE “100 mila euro di mancato introito con la cava ferma” Corali attende l’incontro con la nuova proprietà “per conoscerne le strategie e pianificare gli investimenti”

162

La cava di calcare di Grone se ne sta lì ferma, tranquilla e inattiva, mentre il mondo attorno a lei ruota vorticosamente. Il gruppo Cementir ha acquisito il ramo d’azienda “cemento e calcestruzzo” della società Sacci Spa (che aveva in gestione, tra le altre, la cava gronese). Il fatto che la cava sia inutilizzata da tempo desta qualche preoccupazione e l’Amministrazione Comunale di Grone attende pazientemente le decisioni della nuova proprietà. Sindaco Corali, avete già avuto contatti con la nuova società? Il futuro della cava di Grone è ancora nebuloso?

In questi ultimi anni – spiega il sindaco di Grone Gianfranco Coralii consiglieri di maggioranza hanno sperato che il Gruppo Sacci potesse raggiungere gli obiettivi strategici prefissati per sistemare i problemi che nel lasso di poco tempo avevano portato alla sospensione della coltivazione della cava di calcare di Grone…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 23 SETTEMBRE

pubblicità