GROMO – L’intervista. Sara Riva: “Amo Gromo, sono single, ambiziosa il giusto, mi ricandido, ecco come è diventato il mio paese…”, progetti, idee e sogni

Sara Riva. Classe 1987, perché si può ancora scrivere visto che siamo nel fiore degli anni e nello sbocciare di donna. Single, e anche questa è una notizia che farà piacere ai maschietti, quasi a fine del primo mandato e con un occhio sul secondo: “La nuova lista? – comincia Sara Riva – stiamo lavorando, diciamo che metà gruppo si ricandida, e poi allargheremo a forze nuove. Se sarò lista unica? Non lo so, sono troppo presa ad occuparmi del mio gruppo per guardare se qualcun altro si muove, in ogni caso nessun problema, la cosa bella del fare l’amministratore è che decidono i cittadini”. Come sono andati questi cinque anni? “Sono volati ma già lo sapevo. E siamo contenti, la grossa parte del programma è stato realizzato, mancano ancora alcune cose ma è sempre così, non si sa mai cosa succede quando si amministra, gli imprevisti sono dietro l’angolo, quest’anno poi…”. Già, il Covid ci ha messo del suo: “Cerchiamo di tenere d’occhio tutto, soprattutto i bandi, senza quelli non si riesce a fare molto. E’ importante saper muoversi e avere pronti i progetti”. Fare il sindaco era come te l’aspettavi? “Ho fatto l’assessore prima di fare il sindaco e questo mi ha aiutato molto, se una persona comincia da zero a fare il sindaco credo che troverebbe la cosa abbastanza complicata”. 2020, l’anno del Covid: “E amministrare con questa emergenza ha cambiato noi sindaci e tutti i cittadini. Una situazione pesante che ha toccato tutta la nostra valle, ne siamo usciti martoriati e speriamo di esserne usciti, ci abbiamo messo tutto l’impegno possibile per riuscire a gestire le emergenze, ma abbiamo riscoperto tante cose, l’unità della gente, la generosità, abbiamo scoperto dei risvolti umani che resteranno per sempre nei nostri cuori. E noi come amministratori abbiamo cercato di dare risposte, di aiutare dove possibile, penso alla spesa a domicilio, al bando per aiutare le attività in difficoltà, quella manifestazione di auguri agli anziani…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI 23 OTTOBRE