GROMO – Daniele Masserini che ha scalato la “Grande Grimpe” sulla falesia di Onore in ‘free solo’: “Se non scalassi, la mia vita non sarebbe la mia”

In perfetto stile bergamasco, ha fatto una cosa eccezionale nel silenzio più totale dei media e dei social, un’impresa  che ha dell’incredibile, ma di cui sono venuti a conoscenza solo gli amici, appassionati scalatori come lui, tramite il semplice  passaparola. “Non l’ha detto nemmeno a me – conferma sua madre, Nicoletta Morstabilini – forse per non farmi preoccupare.. Ma ormai lo so che lui è così, sempre …esagerato e anche  cocciuto. Una decina di anni fa era caduto con lo snowbord e si era fatto male seriamente, gli hanno messo delle placche, ma lui niente, ha continuato a scalare lo stesso. E noi ormai ci siamo rassegnati”.

Il ‘lui’ di cui si parla, il protagonista dell’impresa, è Daniele Masserini, 35 anni, operaio in un’acciaieria di Costa Volpino, che sulla falesia di Onore ha scalato nei giorni scorsi la via “Grande Grimpe”, una via di estrema difficoltà – una ‘8 a’, secondo il codice alpinistico – in ‘free solo’, cioè slegato, che per noi profani significa senza corde né alcun altro sistema di sicurezza. “Fosse americano, o anche solo milanese – hanno commentato gli amici – la notizia sarebbe rimbalzata  su tutti i blog di alpinismo, e invece niente, lui è fatto così…”. Così come? – chiedo allora al diretto interessato. “Come uno che queste cose le fa per se stesso e per soddisfazione personale, e che perciò non vuole esibizionismi né pubblicità – risponde Daniele – come uno che quando si mette un sogno in testa non è contento fin quando non lo ha realizzato, perché questo sogno gli viene da dentro, dal profondo, e realizzarlo diventa fondamentale per la sua vita…”. Daniele è un po’ figlio d’arte, per la verità: mamma Nicoletta  e papà Giorgio da giovani sono stati provetti scalatori,  un po’ i pionieri di questo sport in Alta Valseriana, e lui ha cominciato a 6 anni a provare ad imitarli. Poi però il padre ha voluto cimentarsi anche nello sci e nel ciclismo, e Daniele, come ogni ragazzino, lo aveva seguito nei nuovi sport…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 APRILE