GORNO – Furia e Meloncelli primi al concorso Sal Terrae

89

Promosso e organizzato dal comune di Covo e dalla Società Eridana di Esplorazione e Ricerca, edizione 2021, si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso poesia e racconti in lingua lombarda “Sal Terrae”, giunto alla sua sesta edizione. Il concorso è iniziato nel 2016 all’interno dei programmi di tutela e rivitalizzazione delle lingue minoritarie. In particolare la Società Eridana è nata nell’agosto del 2015 con lo scopo di riscoprire e far conoscere i territori della Val Padana nella loro specificità e salvaguardare le lingue locali lombarde: “Óter si la sal de la tèra; ma se la sal la perdèss ol sò saùr, cósa m’ pöderà dovrà per fàl turnà savrìt?”

Nell’edizione di quest’anno, nella categoria poesia, si sono affermati due poeti dell’Alta Valle Seriana, precisamente Luigi Furia al primo posto e Germano Meloncelli al secondo; a seguire altri premiati di altre zone lombarde tra i numerosi partecipanti. Complimentandoci con gli autori, ecco i loro componimenti.

Cascade del Sère Cascate del Serio

D’incànt D’incanto

ü vèl bianch e ricamàt            

un velo bianco e ricamato

a l’quarcia la gronda scüra: copre la rupe scura:

l’è ü vul d’ègua söspisa, è un volo d’acqua spumeggiante,

ü cotobói de s-ciöma, un rimescolio di schiuma,

öna s-ciafunada una guanciata

che ‘n fond a la cascada che in fondo alla cascata

la rebomba e la föma.             rimbomba e fuma.

Po’ l’ègua, fressusa, Poi l’acqua, frettolosa,

de onda la cór,             di fretta corre,

la zogà co i piòch gioca con i sassi

che i sa sét isgrìsoi adòss che si sentono brividi addosso

al caressà de chèla ciciarèta, al carezzare di quella chiacchierina,

issé bèla, issé issinèla: così bella, così flessuosa:

per ün an i à strempiàt per un anno hanno smaniato

a spetà chèsto dé.ad aspettare questo giorno.

Ü dé che l’val öna éta Un giorno che vale una vita

per chi borlàncc per quelle pietre arrotondate

sinsigàcc da chèla balossèta stuzzicati da quella furbetta

che la dèsda òie e regórcc che sveglia voglie e ricordi

di agn ch’i fàa mervéa, di anni meravigliosi,

agn sensa sbaraméncc: anni senza sbarramenti:

töte i sire in Val Seriana tutte le sere in Val Seriana

i cantàa serenade d’amùr. cantavano serenate d’amore.

Ma … con d’ü söspir Ma… con un sospiro

l’ègua viscola e bölèta l’acqua vispa e sbarazzina

la fenéss de scületà: finisce di sculettare:

l’ültema carèssa, l’ultima carezza,

ü sanglòt de s-ciöma un singhiozzo di schiuma

po’ la svanéss tra i piòch poi svanisce tra i sassi

che per ün an amó che per un anno ancora

i resterà sidràcc e möcc. resteranno assetati e muti.

Luigi Furia

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 4 GIUGNO

pubblicità