GORLAGO – Ecco il progetto del Centro Autismo, che nascerà su un terreno confiscato alla mafia

81

Nascerà su un terreno confiscato alla Mafia, in via don Paolo Rudelli, il nuovo Centro Autismo Valcavallina. Una struttura di 800 metri quadrati a cui andranno ad aggiungersi il giardino e il parcheggio per un valore stimato di 3 milioni di euro.

Ne avevamo parlato sulle pagine di Araberara a novembre, ma ora il sindaco Elena Grena ha presentato il progetto non solo agli amministratori del territorio, ma anche al presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana e al Ministro per le Disabilità Alessandra Locatelli.

Un passo importante per tutta la Val Cavallina: “La percentuale delle persone autistiche presenti sul territorio e il bisogno delle famiglie di prestazioni socio sanitari richiedono la realizzazione di un servizio specialistico e di una struttura residenziale dedicata visto che oggi queste prestazioni vengono svolte in una villetta a Gorlago con un costo annuo di 12mila euro”, ha raccontato il sindaco.

Parlano poi i numeri, che rendono l’idea di quando la necessità di questo servizio si faccia sentire: in Val Cavallina si stima che ogni anno vengono diagnosticati fino a 20 bambini autistici. Da un’analisi effettuata sul territorio sono circa 46 i minori che rientrano in questo spettro su circa 157 utenti cui sono stati attivati interventi di assistenza educativa scolastica e a questi se ne aggiungono 4 in carico al cdd. Nel corso del 2020/2022 sono stati seguiti dal servizio autismo dei Comuni della Val Cavallina, gestito dal Consorzio Servizi Val Cavallina, 28 soggetti con autismo grazie ai progetti. Nell’ultimo anno e mezzo sono stati diagnosticate 55 nuove situazioni di persone con autismo in Val Cavallina…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 20 GENNAIO

pubblicità