GAZZANIGA – Mattia, l’Harley, 8 anni da sindaco, 20 anni in Comune, il cane Egon, la Lega prima maniera e…

211

La moto è pronta, un harley davidson forty eight 1200, il delta del Po aspetta. Mattia Merelli e sua moglie Francesca staccano qualche giorno, vacanza sul delta del Po con le due ruote, la grande passione di Mattia, sindaco di Gazzniga, che di harley davidson ne ha due. Mattia è a passeggio col cane Egon sulla ciclabile, una passeggiata prima di partire per qualche giorno di vacanza e poi tuffarsi nell’estate gazzanighese. Mattia, classe 1980, sindaco da 8 anni, 20 anni in Comune. “Sono stato eletto consigliere nel 2000, ero un ragazzino, sindaco era Marco Masserini, e ora lui è in giunta con me”. Sei cresciuto nella Lega, sei ancora leghista? “Sì, sempre, anche se la Lega è cambiata, si è istituzionalizzata, in alcune cose è cambiata in meglio, in altre in peggio, per esempio ha perso la sua identità, io preferivo la prima Lega, questa è più equilibrata sotto certi aspetti è meglio ma io ero per la prima maniera, più del territorio, più tra la gente”. Sono cambiati tanti governi, a Gazzaniga invece resta sempre la Lega, perché? “Noi abbiamo portato avanti sempre le nostre idee, la pubblica amministrazione è diversa dalla politica, bisogna saper mediare, non bisogna mollare mai e andare avanti con i propri ideali, lavorare con i principi per cui sei stato eletto e questo paga sempre nei paesi”. Al governo la Lega è al governo con Fratelli d’Italia, a Gazzaniga invece Fratelli d’Italia è l’unico partito all’opposizione, perché? “In realtà collaboriamo con l’opposizione così come abbiamo collaborato anche con la minoranza di centro sinistra. Noi portiamo avanti il nostro programma per Gazzaniga, il nostro gruppo è coeso e forte e non mischiamo mai la politica nazionale con l’amministrazione; quindi, quando c’è stato da fare il nuovo gruppo avevamo già lo zoccolo duro molto forte e non era giusto stravolgere o fare cambiamenti. In ogni caso Fratelli d’Italia fa la sua parte, collabora e ha il suo ruolo in consiglio comunale”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 7 LUGLIO

pubblicità