GAZZANIGA – Intervento – “Altro che gaffe, a Gazzaniga servono i Vot e Merelli lasci stare Tremaglia”

56

Viste le notizie divulgate da alcune testate giornalistiche, sia in versione cartacea che online diffuse via social, vorremmo chiarire alcuni punti riguardo alle risposte che abbiamo ricevuto (e che sono state riportate dalla stampa) al nostro comunicato e alla successiva intervista televisiva, relativi al problema della sicurezza sul territorio di Gazzaniga.

Anzitutto da parte del nostro gruppo e dei suoi membri non c’è stata nessuna “gaffe”. Il nostro consigliere Maffeis, che come giustamente riportato negli articoli appartiene all’ANC Media Valle  Seriana, conosce i servizi che questa Associazione svolge a Gazzaniga. Pertanto la richiesta di istituzione dei V.O.T. (Volontari Osservatori del Territorio) da parte nostra non ha nulla di “bizzarro”: le modalità operative e le finalità dei V.O.T., infatti, sono diverse e anzi complementari a quelle del servizio dell’ANC che, essendo impegnata su un territorio più vasto rispetto al solo nostro comune, non può garantire un controllo completo e continuativo. Già in passato abbiamo avanzato in Consiglio Comunale questa proposta, che tuttavia ha trovato riscontro negativo in quanto l’Amministrazione non l’ha ritenuta una misura necessaria. Anche l’altra proposta, parallela, relativa all’istituzione di un Vigile di quartiere è stata rifiutata, adducendo come motivazione che lo svolgimento dei compiti di tale figura fosse già in essere da parte dell’Unione Insieme sul Serio. Il comunicato che abbiamo diramato voleva essere la constatazione, per noi oggettiva, che è scorretto affermare che i servizi a tutela della sicurezza nel paese siano già svolti, sufficienti o pienamente efficaci; lo dimostrano gli eventi che abbiamo riportato. L’adozione di una misura ulteriore, quando si constata l’insufficienza di quella vigente, non può essere derubricata a “inutile doppione” o “sovrapposizione”.

Inoltre, ci sembra un’esasperazione accusarci di “ricerca di un’inutile visibilità sui media”, quando sarebbe più corretto riconoscere che, se abbiamo scelto di portare ad una maggiore attenzione quello che per noi rimane uno snodo centrale della gestione del Comune, lo abbiamo fatto per rendere più partecipe e sensibile la popolazione su questo tema…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 4 MARZO

pubblicità