GANDINO – LA LETTERA – “Farno, disagi di tutti i tipi e i parcheggi nella zona superiore vanno riservati ai residenti”

Spettabile Sindaco di Gandino

Domenica 31 gennaio, verso le ore 10, mi sono recato al Farno verso la mia abitazione. Poiché l’ultimo tratto di strada è impraticabile per neve, ho cercato di parcheggiare l’auto prima del parcheggio dedicato a noi proprietari di seconde case, ma senza risultato, tutto esaurito, del resto i posti sono una decina su centinaia di permessi.

Sono quindi tornato a ritroso sperando di trovare un posto nei vari parcheggi, missione impossibile. Mi sono rassegnato a lasciare l’auto sulla strada prima della località “Gervas” ovviamente in divieto come altre decine di persone.

Dopo una prima passeggiata ho raggiunto casa. Con me, sulla strada, una fiumana di gente che proveniva da Lodi-Crema-Milano: notare che eravamo in zona arancione, nessun vigile, nessun carabiniere o forestale, nessun volontario, nessuno di nessuno.

La mia passeggiata continuava, poi, verso la montagnina con gli sci di alpinismo (ii Pizzo Formico era vietato dalla sua ordinanza, ma era lo stesso colmo di gente) per poi raggiungere le cime della Guazza. Sulla strada la gente continuava ad aumentare con assembramenti, in un caso anche 22 persone, ma anche qui nessun controllo…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 19 FEBBRAIO